"L'Italia unita contro l'AIDS"

Sabato, 19 Novembre 2011 16:46
  

"L'Italia unita contro l'AIDS": Napoli capitale per un giorno della lotta al temibile virus

Napoli per un giorno capitale italiana della lotta contro l'AIDS: questo il senso del convegno tenutosi tra la Palazzo Reale e la galleria "Blu di Prussia" in data odierna, sabato 19 novembre. Presenti le massime autorità scientifiche del Paese in materia, proveniente da Milano, Roma, e ovviamente Napoli.

Unica pecca la mancanza di autorità politiche: unica rappresentante in tal senso l'Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Napoli Giuseppina Tommasielli, presente in vece del sindaco De Magistris, per testimoniare la sensibilità del Comune al tema, che ha rilevanza tutt'altro che marginale.

Infatti in Italia si contagia con il virus dell'HIV una persona ogni due ore, e

come ha ricordato il Professore Gugliemo Borgia, Presidente del CE. Rif. ARC (Centro di riferimento AIDS regione Campania) in Campania nell'ultimo triennio, si sono registrati 456 nuovi casi d'infezione tra i residenti, e il caso più emblematico da lui riportato è quello di uno studente del VI anno di Medicina, quasi a ricordare la bocconiana che rivelò al Corriere della Sera nel gennaio 2010 la sua sieropositività. Tutto ciò a conferma di un dato inquietante: la grande ignoranza, anche fra gli addetti ai lavori, riguardo a modalità di trasmissione del virus e caratteristiche dell'infezione.

Purtroppo a peggiore le cose sono la crisi economica, e la relativa indisponibilità di fondi, la "regionalizzazione" della sanità italiana, che crea aberrazioni quali l'impossibilità di creare linee-guida terapeutiche nazionali: i medici di ogni regione sono costretti ad usare i farmaci che passa il convento, in poche parole, come ha sottolineato il Professore Moroni del "Sacco" di Milano.

Molto toccante la testimonianza del "medico di strada" Gianni Grasso, che presta la sua professionalità al servizio dei deboli e degli invisibili lungo la famigerata "Domiziana".

Questo appuntamento si è rivelato insomma un ottimo atto preparatorio lungo la strada che porta al primo dicembre, giornata mondiale contro l'AIDS.

Ultima modifica il Sabato, 19 Novembre 2011 16:54
Vota questo articolo
(5 Voti)
Letto 2229 volte
Alberto E. Maraolo

Laureato in "Medicina e Chirurgia" presso la "Federico II" nel 2010, attualmente lavora come medico specializzando in Malattie Infettive presso lo stesso Ateneo. 
Cinefilo onnivoro, sogna giornate di 48 ore per dedicare il tempo necessario ai tanti altri (troppi?) interessi: musica (rock e colonne sonore), sport nazional-popolari (calcio, ciclismo e motori) e non (basket USA), letteratura, storia, filosofia, fisica e logica for dummies.

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.