Basta vitalizi d'oro agli ex deputati

Domenica, 20 Novembre 2011 12:02
  

Molti dubbi sul nuovo governo Monti: qualcuno parla di una politica venduta alle banche e ai potenti, che mette al primo posto, piuttosto che la ripresa economica del Paese, gli interessi di pochi privilegiati. È cambiato poco, insomma, rispetto alla situazione precedente ma, per ora,  solo nei timori dell'opinione pubblica, poichè è ancora presto per giudicare l'operato di un'amministrazione così giovane. Il piatto forte del giorno, tuttavia, pur avendo un sapore per niente nuovo (Di Pietro, si è detto soddisfatto per la proposta di una riforma, presentata già dall'Italia dei Valori un anno fa e ora, in un clima più responsabile, ripresa in considerazione), alletta con succulenti benefici, i palati degli italiani, stanchi di lottare in solitaria contro la crisi. Gianfranco Fini, ha annunciato infatti che, nelle prossime settimane, si lavorerà per abolire i vitalizi degli ex deputati: «L'ufficio di presidenza ha deciso di dare mandato al collegio dei questori per fare una riforma sull'abolizione del vitalizio degli ex parlamentari a partire dalla prossima legislatura». Il Presidente della Camera, ha sottolineato anche che «Dovremo garantire nei mesi prossimi la tenuta del governo: si parte con la volontà di scalare una montagna, ma c'è l'obiettivo di creare una società attraverso quelle riforme che dovranno essere all'insegna dell'equità e che dovranno riguardare tutti a partire dai più fortunati. Se vogliamo uscire dalla travagliata storia che abbiamo alle spalle, dobbiamo dire basta alle alleanze costruite solo per battere un avversario. I prossimi mesi saranno la cartina al tornasole di questo livello di responsabilità». Insomma, le parole sono quelle giuste, bisognerà valutare i fatti. Tutto lascia intendere che, i costi della politica saranno riformati: riusciremo, questa volta, ad arrivare in fondo a questo percorso e a far si che anche i politici comincino a stringere queste gigantesche cinture? Si parla, in ogni caso, di un piccolo cambiamento, la cui importanza, però, non va sottovalutata: è necessario, ora, sentirsi parte di una comunità e la politica ha il dovere di dare il buon esempio, limitando i privilegi di una classe dirigente, che deve prestare maggiori attenzioni ai bisogni dei cittadini e meno ai propri. Ma sarà davvero piccolo questo cambiamento? In realtà, secondo le statistiche, i vitalizi di parlamentari e consiglieri regionali, costano oltre un miliardo di euro l'anno. Risparmiare questi soldi, sarebbe pur sempre un buon inizio! Ebbene, le proposte lasciano ampio spazio alle speranze ma, come spesso si dice, "se non lo vedo, non ci credo" e l'Italia, ora più che mai, ha bisogno di più risultati e meno chiacchiere. Nel frattempo, per tenersi informati, si consiglia la lettura del libro di Mario Giordano, Sanguisughe (Mondadori), una guida agli scandali della previdenza italiana.

http://www.cronacalive.it/wp-content/uploads/mario-giordano-sanguisughe.jpg

Vota questo articolo
(1 Vota)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.