Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 122

63° ed. IAC – Lo straordinario incontro tra giovani e astronauti

Lunedì, 08 Ottobre 2012 16:44
  

Si è concluso il 5 ottobre l’International Aeronautical Congress, uno fra i più importanti eventi mondiali in campo aerospaziale, ospitato in Italia dopo ben 15 anni. Svoltosi a Napoli tra esperimenti scientifici e conferenze tenute dai più grandi scienziati del pianeta, lo IAC è stata un’occasione di riscatto per questa città spesso gettata nel fango da cattiva politica e media implacabili. La storia dell’aerospazio in Campania ha origini antiche, basti pensare all’Accademia Aeronautica, fondata nel 1923 a Livorno e spostata definitivamente a Pozzuoli nel 1961 dopo essere passata per Caserta, Forlì e Nisida, e al Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale, nato nel 1926 grazie al generale Umberto Nobile e punta di diamante dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Ma l’Italia in generale ha un ruolo fondamentale in campo astronautico ed è riuscita a portare i frutti delle nostre eccellenze sia sulla Stazione Spaziale Internazionale, sia su Marte, a bordo del rover Curiosity (http://www.mygenerationweb.it/Articoli/News/Marte-%E2%80%93-Here-we-comehttp://www.mygenerationweb.it/Articoli/News/Marte-%E2%80%93-Here-we-come).

Congressi a parte, la grande sorpresa dello IAC sono stati i tanti astronauti intervenuti all’evento, fra cui gli italianissimi Roberto Vittori e Paolo Nespoli, persone eccezionali, che hanno dedicato gran parte del proprio tempo ai giovani studenti campani. Roberto Vittori è infatti comparso all’improvviso in molte scuole della periferia di Napoli, portando con sé allegria, cultura e soprattutto speranza. Non diverso è stato l’impegno di Paolo Nespoli, il quale ha intrattenuto con il suo charme e il suo genio i ragazzi presenti alla Mostra d’Oltremare partecipanti allo IAC. E ad intrattenere i giovani e non solo ci hanno pensato anche gli scienziati coreani del KARI – Korea Aerospace Research Instiute -, che si sono divertiti a distribuire birra Peroni e ad invitare tutti a ballare al ritmo di Gangnam style. MYGENERATION ve ne fornisce un video in esclusiva!

Bellissimo è stato anche l’intervento di Buzz Aldrin, l’astronauta che ha seguito Armstrong sulla Luna, il famoso “secondo uomo”, in occasione del tributo al capitano dell’Apollo XI scomparso di recente. In sostanza, il messaggio che tutti questi grandi uomini hanno voluto comunicare è rivolto soprattutto ai giovani e li invita ad uscire di casa, anziché passare le giornate davanti a videogiochi e televisione. In particolare Nespoli ha voluto sottolineare l’importanza di inseguire i propri sogni, con impegno, dedizione e umiltà, perché a questo mondo c’è sempre speranza, anche se i tempi dicono il contrario.

Alle solite domande dei giornalisti su cosa si fa nello spazio e se si fa sesso nello spazio, Nespoli ha risposto con la solita simpatia, spiegando che nella Stazione Spaziale Internazionale, l’ISS, si conducono importantissimi esperimenti che, un giorno, miglioreranno la nostra esistenza e ha sottolineato che chi vuol fare sesso non ha bisogno di andare nello Spazio, perché può farlo qui. L’unica cosa che non si può fare sulla Terra è guardarla da 400 km di distanza, girarle intorno dodici volte al giorno e restarne sempre più affascinati. A bordo dell’ISS è necessario cambiare radicalmente il proprio modo di pensare e percepire la realtà e, sempre secondo lo straordinario astronauta, anche qui sulla Terra dovremmo modificare i nostri comportamenti per poter cambiare questa realtà che non ci piace e in cui non vogliamo vivere. Inutile dire che l’allusione ai nostri politici era più che palese.

Video

Vota questo articolo
(4 Voti)

"Credo che le idee di Gandhi siano state, tra quelle di tutti gli uomini politici del nostro tempo, le più illuminate. Noi dovremmo sforzarci di agire secondo il suo insegnamento, rifiutando la violenza e lo scontro..." A. Einstein

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.