Marano e l’asilo nido fantasma. Il solito spreco o una bieca sudditanza camorristica?

Domenica, 18 Novembre 2012 15:15
  

Marano. Vi confesso che ogni volta che vengo a conoscenza di un sequestro ai danni del boss di turno, ho subito un sussulto di piacere. Amo l’idea di uno Stato autoritario che distrugge la feccia per poi ricostruire dalle macerie qualcosa di pulito, qualcosa di utile alla comunità. Così, quando il 6 settembre scorso, lessi sull’albo pretorio del Comune di Marano che era stata esperita una gara d’appalto da 1,6 milioni di euro per la sistemazione esterna dell’asilo nido di Largo Dalla Chiesa (area confiscata alla camorra) e che i lavori erano stati assegnati definitivamente alla ditta aggiudicataria, a stento riuscii a trattenermi dall’esultare come un bambino di fronte al giocattolo preferito. Purtroppo, quella che in un primo momento mi sembrava una notizia positiva, dopo qualche minuto e le dovute riflessioni, divenne l’ennesimo esempio di miopia amministrativa. Una miopia che a mio avviso rasenta la più totale ed incondizionata stupidità. Il perché è semplice: la scuola di cui ci si preoccupa di sistemare gli spazi esterni non esiste. O meglio esiste solo sulla carta, un foglio fra tanti in possesso dell’ufficio tecnico di Marano. Un progetto bloccato, sul quale la Regione Campania ha investito 750.000 euro (mai stornati e quindi ancora disponibili), destinati alla costruzione della struttura, da sommarsi agli 1,6 milioni di euro stanziati dall’Europa per la sistemazione degli spazi esterni e di un asilo nido, che, ricordiamo, risulta essere fantasma.

Ora vi starete chiedendo: "Perché questa scuola non si fa? Se il denaro c’è, il progetto è ben definito, cos’è che manca?"

Evidentemente manca la volontà di opporsi a quelli che personalmente considero “poteri occulti”. Poteri ai quali troppe volte ci si inchina con sudditanza, sperando poi di vivere tranquilli. Cosa me lo fa pensare? Ve lo spiego subito. Non tutti sanno che nel piano economico dell’opera sono previsti 120'000 euro destinati al completamento dell’esproprio del terreno. Cosa molto strana, perché il lotto di terra in questione è già di proprietà del Comune, in quanto bene confiscato alla camorra. Quindi quella somma di denaro non ha motivo di esistere se non per una squallida forma di rispetto verso chi, come un cancro, avvelena la nostra società. Morale della favola, quella che sarebbe dovuta essere un’opera simbolo del potere dello Stato sulla criminalità organizzata, oggi non è altro che l’ennesima sconfitta della legalità.

 

Vota questo articolo
(4 Voti)
Mirko Galante

Da sempre appassionato di comunicazione in ogni sua forma. Amo la fotografia e le riprese video. Adoro raccontare ciò che mi circonda attraverso uno sguardo critico ma propositivo. Non mi piace la vita in ufficio, ore ed ore dietro una scrivania non fanno per me. Preferisco mettermi in gioco, stare in strada alla ricerca di notizie, condividere esperienze, avventure e pericoli tra la gente. Non posso fare a meno della scarica di adrenalina che si ha quando armato di una telecamera nascosta, raccolgo prove per un'inchesta.

Questo è giornalismo investigativo.

 

Il mio motto è : Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che fanno del male, ma a causa di coloro che guardano senza fare niente. (Albert Einstein)

 

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.