Meno presidenzialismo, più manutenzione

Mercoledì, 12 Giugno 2013 18:02
  

È dura per il Governo, in questo momento. Bisogna capire se fare o no il presidenzialismo o il semi-presidenzialismo, se si può evitare l'aumento dell'IVA, rimandare l'IMU, e tanto altro. E tutto questo cercando di evitare che il PD si frantumi ancora, che Monti scoppi in lacrime come la Fornero per aver autodistrutto la propria carriera, che Berlusconi “stacchi la spina” perché magari è arrabbiato se la sera prima gli si è interrotto il bunga bunga.

Ma c'è qualcosa che si potrebbe fare per guadagnarsi un nuovo amico (nella fattispecie, chi scrive): dare un po' di soldi all'università. E non perché, dopo tanti anni di tagli in cui ci hanno ripetuto che “con la cultura non si mangia” e che siamo troppo choosy, io sia convinto che dobbiamo studiare per migliorare la nostra condizione, che abbiamo bisogno di strutture adeguate e di un corpo docente disponibile e motivato, e che il sistema del “numero chiuso” sia una delle più grandi violazioni alla nostra Costituzione che siano mai state compiute.

Non per tutto questo.

Caro Governo, non so dove prendere i soldi; potresti prenderli dalle pensioni di qualcuno dei grandi manager che ha fatto fallire un'azienda statale, dalla diaria che i grillini dicono di aver restituito, o magari potresti comprare qualche armamento di meno, ma dai un po' di soldi alle università.

Perché i bagni sono rotti da settimane, e anche noi studenti abbiamo diritto ad andare al cesso.

Vota questo articolo
(2 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.