La forza centripeta

Lunedì, 14 Ottobre 2013 23:11
  

 

Allora, cari lettori, che ne pensate? Il governo è ancora in piedi, nonostante i tentativi di zio Silvio di farlo cadere; e se anche il PdL non si è frantumato al momento della votazione, con i fedelissimi dell'ex-cavaliere che, su suo ordine, hanno votato anch'essi la fiducia per non mostrare di esser sotto con i numeri, ora all'interno del partito c'è una bella bufera. Si, perché mentre Alfano tira dritto e chiede il riconoscimento del suo ruolo politico (il che significa: accettare che sia lui a comandare e far fuori dalla “stanza dei bottoni” i vari Verdini, Santanché, Brunetta e così via), il nano malefico freme e scalpita; la notizia del nuovo arresto di Lavitola, sorpeso nel cortile condominiale e quindi riportato dietro le sbarre per aver infranto i domiciliari, certamente non gli fa presagire cose buone...

 

E questo è più o meno ciò che sanno tutti; ciò che ora noi vogliamo farvi notare, è che, spaccatura o no del PdL, ancora una volta si manifesta la forza centripeta che attraversa tutta la storia della Repubblica Italiana: se ci fate caso, infatti, quelli PdL pronti a costituire nuovi gruppi alla Camera e al Senato sono per lo più gli ex democristiani e gli ex socialisti (valgano due nomi per tutti: Alfano e Cicchitto), ovvero gli eredi dei protagonisti del pentapartito; è dunque ovvio che si sentano a casa nel governo Letta, guidato da un ex democristiano e sostenuto soprattutto da un partito, il PD, guidato da un ex socialista (Epifani).

 

A proposito del PD, è finalmente iniziato il percorso congressuale: i candidati sono Civati, Cuperlo, Pittella e Renzi, in rigoroso ordine alfabetico (e di preferenza per chi scrive...), ovvero quelli già noti da mesi. Come andrà a finire?

A nostro modesto parere, finirà per vincere Renzi, e proprio per questo tutto il grande cambiamento finirà per essere soltanto un rimescolamento di posti dirigenziali tra i membri delle diverse correnti (renziani, franceschiniani, d'alemiani, veltroniani...), in onore del più vetusto spoil system. L'unico che potrebbe davvero cambiare qualcosa è proprio Civati, ma si vede che non ha gli sponsor giusti, soprattutto nel mondo dell'alta finanza, a differenza del suo rivale fiorentino...

 

Detto ciò, cari lettori, vi salutiamo; ricordandovi come sempre che il potere logora chi non ce l'ha...

Vota questo articolo
(3 Voti)
Lorenzo Fattori

Dottore in Sociologia, laureato alla Facoltà di Sociologia dell'Università degli Studi di Napoli - Federico II.

Presidente del Consiglio degli Studenti e membro studentesco del Consiglio di facoltà della Facoltà di Sociologia.

Membro dell'Esecutivo provinciale dell'UdU - Unione degli Universitari.

In precedenza, ho collaborato con la pubblicazione studentesca SpazioTempo, con il giornale online AgoraVox Italia e con la rivista scientifica Quaderni d'Altri Tempi.

 

- "Homo sum: nihil humanum est a me alienum puto" -

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.