Jacopo Fo fa una proposta indecente a De Magistris. Trasformare il ponte incompiuto di San Giacomo dei Capri in un giardino sospeso.

Giovedì, 10 Aprile 2014 18:41
  

Napoli. Vi ricordate di quel mostruoso ponte incompiuto a San Giacomo dei Capri? Ne parlai in un precedente articolo: (http://www.mygenerationweb.it/articoli/news/ponte-di-san-giacomo-dei-capri-storia-di-un-incompiuto-made-in-naples).

Dopo qualche giorno, fui anche invitato come ospite alla RAI, nella trasmissione Codice a Barre per raccontare la storia di questo scandaloso incompiuto made in Naples. Bene a distanza di quasi due anni la notizia sembra essere balzata all'attenzione diJacopo Fo. Quest'ultimo, attraverso il suo blog, ha proposto a De Magistris un progetto per trasformare e rivalutare questa lingua d'asfalto mai utilizzata. L'idea sarebbe quella di creare un giardino sospeso, con percorsi per le passeggiate, un chiosco, aree attrezzate per bambini e tanto altro.

Sulla carta, questa sarebbe un'ottima occasione per rivalutare una zona abbandonata ai rovi. Un modo per utilizzare il frutto della follia della mala politica degli anni ottanta, ma anche un'altra buona occasione per far tagliare un nuovo nastro al Sindaco, sempre presente in queste circostanze mondane.

Non è tardata infatti la risposta di De Magistris. Poteva mai perdere questa succulenta occasione? Certo che no!

Ed ecco un estratto dal suo blog:

Abbiamo deciso, come Comune di Napoli, in sinergia con il Presidente della Municipalità Vomero-Arenella, Mario Coppeto, di realizzare un progetto simile a quello che ci hai proposto: un giardino pensile che recuperi la struttura, sul modello di quanto è stato fatto a Parigi con la ‘promenade Plantée’, nei pressi di Place de la Bastille. Trasformare quella bruttura in un giardino di Babilonia, ci permetterà di recuperare un pezzo di città, creando valore aggiunto, attraverso la sistemazione di un chiosco, come tu stesso proponi, e risparmiando le risorse necessarie all’abbattimento”.

Personalmente non mi sento di fare previsioni, tutto può succedere nel bene o nel male, però una piccola analisi la voglio fare.

Ci troviamo ad affrontare tre possibili scenari:

 

1 Il tutto finirà con un niente di fatto. Solo uno sterile botta e risposta tra Blogger. Voci di corridoio infatti, già da qualche anno, parlano dell'imminente demolizione del ponte per far edificare dei parcheggi. Questa ipotesi ci sembra tutt'altro che remota, vista la costante speculazione del sottosuolo nella zona Vomero ed Arenella.

2 Il progetto partirà, si rivestirà di merletti e paillettes il mostro, spendendo una vagonata di euro. Dopo svariati mesi di lavori, ci ritroveremo con un'opera pubblica tanto bella quanto inutile. Infatti Via San Giacomo dei Capri è essenzialmente una zona dormitorio, di conseguenza potrebbe non adattarsi bene ad un'altra vocazione.

3 Quest'ultimo scenario è quello che a mio avviso è più coerente. Il Sindaco deciderà di rimandare questa spesa a tempi migliori, per investire in opere più urgenti come: il ripristino del manto stradale, lo stanziamento di fondi per la cura degli alberi della Villa Floridiana da tempo chiusa in alcune aree, il ripristino del vecchio splendore della Villa Comunale, il completamento della bonifica del Parco della Marinella (attualmente discarica abusiva), completare il Parco dello Sport di bagnoli (costato 32 milioni di euro) e tanto altro.

 

Per il momento non resta che attendere ulteriori sviluppi ed affidarsi al buon senso delle istituzioni.

Vota questo articolo
(5 Voti)
Mirko Galante

Da sempre appassionato di comunicazione in ogni sua forma. Amo la fotografia e le riprese video. Adoro raccontare ciò che mi circonda attraverso uno sguardo critico ma propositivo. Non mi piace la vita in ufficio, ore ed ore dietro una scrivania non fanno per me. Preferisco mettermi in gioco, stare in strada alla ricerca di notizie, condividere esperienze, avventure e pericoli tra la gente. Non posso fare a meno della scarica di adrenalina che si ha quando armato di una telecamera nascosta, raccolgo prove per un'inchesta.

Questo è giornalismo investigativo.

 

Il mio motto è : Il mondo è un posto pericoloso, non a causa di quelli che fanno del male, ma a causa di coloro che guardano senza fare niente. (Albert Einstein)

 

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.