Telefilm d'Italie

Lunedì, 04 Agosto 2014 00:00
  

Forse ve lo siete chiesto, e quindi è giusto darvi una risposta: cosa succederebbe se le grandi serie venissero interpretate da personaggi italiani? Sì, avete capito bene: chi utilizzerebbero per interpretare Sherlock Holmes, Hannibal Lecter o Tywin Lannister? Sarebbero grandi attori? O forse si privilegerebbe la somiglianza a dispetto dell'arte recitativa? Andiamo a dare uno sguardo, cominciando con

 

Hannibal: La grande serie dove uno psichiatra psicopatico dal capello improbabile (Mads Mikkelsen) affronta un investigatore dalle molteplici conoscenze (Hugh Dancy) nel tentativo di giocare con la sua mente.

 

Hannibal Lecter, dalla capigliatura improbabile, che necessita di costante manutenzione, e scatti d'ira omicida improvvisi e inarrestabili... A chi affidarne la parte? Se state pensando anche voi quello che penso io, allora il simbolo che rappresenta Hannibal non sarà più un cervo, bensì una capra, capra, capra! Sì, stiamo parlando di Vittorio Sgarbi!

 

Sgarbi

 

Per il suo acerrimo nemico, è bene dirlo, la somiglianza è tanto inquietante quanto scontata: un individuo eclettico, con molte conoscenze, e un volto piacente anche se non esplicitamente sexy nel senso hollywoodiano del termine. Ebbene, direttamente da Quark, a salvarci arriverà Alberto Angela!

 

Angela

 

Ci stiamo riscaldando, ma è tempo di andare sul pesante: Breaking Bad. E chi ci sarà ad interpretare Walther White, il professore di chimica tanto brillante da curare la sua stessa malattia producendo metanfetamina purissima? Chi si occuperà di Jesse Pinkman, il suo sboccato e imprevedibile assistente? Andiamo ad analizzare!

 

White, all'apparenza tranquillo, dall'aspetto ordinario: ma una volta che indossa i panni del suo alter ego di mestiere nessuno può fermarlo. Lui è colui che bussa, e il "knock knock" che si sente prima del suo arrivo è paragonabile soltanto ad un rumore: quello di un treno. Lo so, il buon Jaap Stam non è propriamente italiano, ma ha comunque giocato nel Milan... chissà quanto dista San Siro da Cinecittà?

 

Staam

 

Imprevedibile, combina guai, con un brutto passato scolastico e una frequentazione anche troppo assidua con le droghe. Per questo personaggio "sopra le righe", in tutti i sensi, non potevamo scegliere che un giovane Lapo Elkann.

 

Lapo

 

E se finisci nei guai, meglio chiamare l'unico affabulatore dai vestiti eccentrici capace di farla sempre franca. Stiamo parlando di Saul Goodman, l'avvocato del chimico duo White/Pinkman. Per lui, serve una personalità troppo forte per essere imbrigliata nelle pastoie della legge: Antonio Albanese nei panni di Cetto La Qualunque!

 

Cetto

 

Una menzione speciale a Mike Ehrmantraut, il tritarifiuti di Saul Goodman: cinico, spietato e con gli occhi glaciali di colui che può ucciderti senza neppure colpirti: Sallusti, scelgo te! Come vedete, mette i brividi.

 

Sallusti

Vota questo articolo
(5 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.