Downton Abbey: Patemi incompresi

Venerdì, 14 Novembre 2014 00:00
  

Julian Fellowes. Voi non sapete chi è, io non so nemmeno che faccia abbia. Eppure, lo amo. Ok, ci sono momenti in cui lo odio, ma sotto sotto lo amo ancora. Anche voi dovreste amarlo. Perché? Julian Fellowes è l'ideatore della serie Downton Abbey, che potremmo simpaticamente definire "la versione inglese di Beautiful". No dai, non storcete il naso così: vi assicuro che è una serie decisamente piacevole e intrigante. Essendo inglese, è ovviamente ambientata nello Yorkshire ... o nell'Hampshire ... o nel Devonshire ... in una contea inglese insomma, ma sicuramente non vedremo alcun hobbit nei paraggi (perdonate l'intrusione della mia personalità tolkeniana).

 

Downton Abbey 2

 

Torniamo indietro nel tempo, fino ai primi del Novecento, per conoscere i Crawley, un'aristocratica famiglia inglese, con tanto di servitori al seguito, che deve fare i conti con il passare del tempo, l'evoluzione della società e il declino dei titoli nobiliari. A tutto questo aggiungiamo beghe familiari, matrimoni, divorzi, scandali e tragedie. Un microcosmo "alquanto" conservatore in un macrocosmo scosso da fortissime spinte progressiste che non potranno non intaccare l'equilibrio di Downton. Come andrà a finire?

 

Downton Abbey 3

 

In Inghilterra tutto ciò è andato avanti per ben 5 stagioni e la sesta è già stata promessa ai numerosissimi fan britannici, tra cui spicca tale Kate Middleton. In Italia, a partire dal 9 dicembre, su Rete 4, possiamo ammirare la quarta stagione di una serie che però non ha avuto enorme successo. Come mai?


In effetti le premesse non sono proprio entusiasmanti: polpettone britannico, super conservatore, pieno di patemi. Non proprio il massimo del divertimento. C'è da dire che questa è la definizione più superficiale che si potrebbe fare della serie. Andando un attimino più in profondità (ma di poco, lasciate pure la scavatrice in garage) ci si accorge che la serie ha tutte le carte giuste: ottima ricostruzione storica, giusto equilibrio tra drammaticità e frivolezza, attori bravi e talentuosi, tra cui spicca Maggie Smith (la contessa madre Lady Violet, per gli amici 'nonna Grantham'), che molti di voi ricorderanno come la prof McGranitt di Harry Potter. C'è solo una cosa da dire a chi non segue Downton Abbey...

 

Downton Abbey 4

Vota questo articolo
(11 Voti)
Annachiara Giordano

Studentessa di Lettere moderne e aspirante giornalista, sono appassionata di letteratura e viaggi, cinema e telefilm, insomma di tutto ciò che possa stimolare fantasia e immaginazione. 

Sito web: https://www.facebook.com/annachiara.giordano1?ref=tn_tnmn

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.