Gita al lago... con dirottamento!

Giovedì, 27 Novembre 2014 00:00
  

Dopo un lungo periodo di silenzio finalmente si torna a parlare di Feste Bizzarre, e lo si fa con un festival talmente particolare da tenersi non una volta all'anno, e nemmeno una volta ogni quattro come le Olimpiadi, ma addirittura ogni cinque anni! Se avete pensato subito al Giappone, beh, siete in errore: questo è un evento "Made in USA", e più precisamente nei dintorni della pittoresca cittadina lacustre di Ariel nello stato di Washington.

 

L'Antefatto Storico:

 

Il 24 novembre del 1971 (Vigilia del Giorno del Ringraziamento) un uomo, registratosi (quelli sì che erano altri tempi!) come Dan B. Cooper, salì a bordo di un Boeing 727 della Northwest Orient Airlines diretto da Portland a Seattle, e, dopo il decollo, porse candidamente un biglietto alla hostess in cui affermava di avere una bomba e di voler dirottare l'aereo. Dopo aver mostrato l'ordigno all'incredula assistente di volo, egli rese esplicite le sue richieste: 200.000$ in biglietti da 20 non rintracciabili, uno zaino, quattro paracadute, e l'ordine di fare il pieno all'aeromobile una volta raggiunta la destinazione. L'FBI dette istruzioni di obbedire al dirottatore, il quale, una volta raggiunta Seattle permise agli altri passeggeri di sbarcare in tutta tranquillità. Rimasero come ostaggi la hostess, il copilota e il pilota, al quale Cooper ordinò di fare rotta verso il Messico, volando a 10.000 piedi in luogo dei soliti 30.000, non superando i 150 nodi e mantenendo un'inclinazione dei flap di 15°. In più, egli impose all'equipaggio di chiudersi nella cabina di pilotaggio, e di non abbandonarla per nessun motivo; il volo fu tranquillo fino alle 20:11 quando si accese la spia dell'apertura del portellone posteriore, ciononostante i tre rimasero al loro posto fino a dieci minuti dopo l'atterraggio in Messico. Cooper era sparito, lanciatosi con uno dei paracadute (non fu avvistato neanche dai due F-106 che seguivano il Boeing!), e di lui non si seppe più nulla: tutto ciò che lasciò fu la cravatta e un fermacravatta in madreperla. Durante le settimane successive, il Bureau condusse un'intensiva caccia all'uomo nella zona del Lago Merwin (proprio vicino Ariel), senza però ottenere alcun risultato, al punto che le teorie sulla presunta morte di Cooper furono scartate, visto che il corpo o almeno il paracadute avrebbero dovuto essere ritrovati.

 

Cooper Wanted

 

Il Caso NORJAK (da NORthwest hiJAcKing) catalizzò lungamente l'attenzione del Paese, ed è saltato agli onori della cronaca di nuovo nel 1980, quando un ragazzino di 8 anni trovò una borsa con quasi 6.000$ in banconote da 20; l'agente Ralph Himmelsbach, che lavorava al dossier suggerì che si trattava della prova definitiva dell'annegamento di Cooper, ma le minuziose ricerche nello specchio d'acqua non condussero a nulla, contribuendo, al contrario a innalzare l'audace dirottatore al rango di leggenda... e a fare imbufalire sempre di più il G-Man!

 

Cooper

 

In conseguenza di ciò sono, state scritte canzoni e ballate varie e, nell'area del Lago Merwin, aperti bar e perfino innalzati dei piccoli altari, per un uomo capace di concepire e attuare un simile piano nei minimi dettagli: addirittura si rivolse alle hostess e al banco del check-in con un accento incredibilmente "standard", per non fornire il benché minimo indizio sulla sua provenienza!

 

La Festa Bizzarra:

 

Ogni cinque anni, il sabato successivo al Giorno del Ringraziamento, centinaia di persone provenienti dai luoghi più disparati si ritrovano per partecipare a una gara in cui chi propone la teoria più fantasiosa sulla sorte di Cooper vince un premio; anche se questo passa spesso in secondo piano, dal momento che ascoltare i racconti più arzigogolati e riunirsi in un'atmosfera a meta tra la spy-story e gli X-Files è già un'abbondante ricompensa. Naturalmente i club di paracadutismo della zona organizzano veri e propri "lanci commemorativi", e non mancano le gare di somiglianza tra una marea di individui vestiti in stile Reservoir Dogs (cioè Le Iene) e con l'immancabile fermacravatte in madreperla!

 

Cooper Lookalike

 

Che aggiungere? Il prossimo festival sarà nel 2016, dunque avete tutto il tempo per prenotare il biglietto e – perché no? – sottoporre la vostra ricostruzione degli eventi!

 

P.S.: E buon Ringraziamento a voi!

Vota questo articolo
(2 Voti)
Letto 1934 volte
Gabriele Basile

I don't believe in many things, but I do believe in duct tape.

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.