Il Fantasy che non conoscevate di da Vinci

Giovedì, 05 Febbraio 2015 00:00
  

Ragazzi, mi dispiace, l'articolo contiene spoiler di tutta la prima e la seconda serie di Da Vinci's Demons quindi, se ci tenete tanto alle sorprese, smettete di leggere. Se avete già intuito che leggerlo prima qui e poi guardarlo in Tv vi cambierà ben poco, continuate pure senza alcun ritegno!

 

Leonardo da Vinci: il grande genio del Rinascimento italiano, colui che intuì che l'uomo un giorno avrebbe volato e, non meno importante, colui che ha dipinto la tutt'ora misteriosa Gioconda!

 

Adesso ditemi chi di voi avrebbe mai detto che, al suo tempo, passava le giornate con un Machiavelli appena uscito dalla pubertà che tutti chiamavano Nico e ad inseguire il misterioso Libro delle Lamine viaggiando da Firenze a Roma, da Roma alla Valacchia e dalla Valacchia, addirittura, all'America meridionale!

 

Voglio essere del tutto sincera: non è male come serie da guardare per passare il tempo. Ho seguito sia la prima che la seconda serie e sto aspettando che Sky mi conceda di scaricare la terza. Purtroppo però ha dei punti contro che sono davvero snervanti: ad esempio, mi innervosisce a livelli esponenziali vedere che le "riprese" dall'alto della Firenze Rinascimentale non sono all'altrezza di quelle usate dalla Ubisoft per Assassin's Creed. In certi momenti sembra più un videogioco Da Vinci's Demons, che Ezio Auditore che si lancia in carretti di fieno da 50m di altezza.

 

Un'altra cosa che mi irrita terribilmente è quando Leonardo ha le sue illuminazioni: da come ce lo presentano, non ragiona e non studia, ma deduce per opera e virtù dello Spirito Santo! La scena in cui si ritrova nella tomba di Cosimo de' Medici, ad esempio, è decisamente eloquente. Nella stanza ci sono Leonardo e una tomba, e invece di esaminarla per risolvere l'enigma, sta lì in piedi come un pesce lesso con gli occhi persi nel vuoto a disegnare scarabocchi in sovrimpressione muovendo le dita della mano destra spasmodicamente.

 

Lo odio.

 

Da Vincis Demons 2

 

Per non parlare della visita al Conte Dracula in Valacchia. Sì, il Conte Dracula.

 

Vi assicuro che io adoro queste leggende macabre però – che miseria! – non mi infilare in una serie che vorrebbe essere storica il Conte Dracula con gli occhi vitrei e la pelle di porcellana! Che, tra l'altro, parla come se fosse perennemente sotto effetto di Acidi raccontando di come ha venduto la sua anima al Demonio!

 

Vogliamo continuare? Continuiamo parlando della gita che fanno a Machu Picchu, nell'America Meridionale, che verrà scoperta solamente un decennio e passa dopo! Protagonisti Leonardo Da Vinci, per gli amici Leo, Niccolò Machiavelli a quindici anni, per gli amici Nico, Zoroastro, un amico di Leo e Nico e il Conte Girolamo Riario. Fermiamoci un attimo a studiare la figura di Girolamo Riario. Vorrei fare i complimenti all'attore, Blake Ritson, che è stato in grado di girare due serie parlando costantemente con gli occhi spalancati come se avesse una mazza ficcata dove non batte il sole e, a proposito di sole, trovate dove comprare i suoi occhialini scuri, meravigliosi.

 

Da Vincis Demons

 

Torniamo però a Machu Picchu dove i nostri rinascimentali eroi, dopo aver rischiato infinite volte di morire, dopo essere stati costretti ad uccidere per sopravvivere, dopo aver affrontato pericoli di ogni genere (partendo dal dover sconfiggere i nativi fino ad arrivare al dover tornare vivi da una sottospecie di viaggio nel futuro sognando i morti del passato), se ne tornano a casa non con il Libro delle Lamine tanto ricercato ma con un Automa che parla con la voce della madre di Leo.

 

Ma perché cerca il Libro delle Lamine?

 

Leo cerca il Libro delle Lamine perché un turco, chiamato tra l'altro Il Turco, attraverso frasi di dubbio senso sentenziate con quel che di mistico, gli fa intendere che, in primo luogo, è stato scelto per trovarlo e, in secondo luogo, lo porterà a trovare sua madre. Comunque, mentre Leo cerca il libro la storia italiana che tutti conosciamo dopo anni ed anni di scuola, procede perdendo completamente l'attenzione dello spettatore che è stato maggiormente catturato dalla piega Fantasy data alla storia di Leonardo.

 

Se volete guardare la serie, dimenticate che si parla del Leonardo da Vinci che conoscete bene grazie alla scuola e state sicuri che vi piacerà di più.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.