"Giovani si diventa", film un po' scontato sulle differenze generazionali

Domenica, 12 Luglio 2015 10:11
  

Ci sono vari modi per affrontare l’invecchiamento e lo scorrere del tempo.

C’è chi come me ogni giorno urla dopo essersi pesato e guardato allo specchio, chi cade in depressione e rendendosi ridicolo cerca di apparire giovane e infine chi accetta lo scorrere del tempo godendosi il presente.

Cosa è dunque la cosiddetta “crisi di mezz’età"? Si tende a dire che colpisca solo gli uomini quando cominciano a perdere colpi nella loro virilità anche se le stesse donne quando non si sentono più al centro del desiderio e dei complimenti ne sono vittime. Se dunque il disfacimento fisico è una conseguenza visibile, probabilmente dobbiamo intendere con tale espressione qualcosa di più complesso e soprattutto esistenziale.

Così almeno Noah Baumbach ha  deciso di fare, mettendo a confronto due coppie di età diverse, cercando di raccontare due diversi modi di affrontare la vita e soprattutto di pensare. 

Lo spettatore conosce prima la coppia di quarantenni composta da Josh (Stiller) e Cornelia (Watts) sposati da tempo, senza figli nonostante vani tentativi, e impegnati nei rispettivi lavori con alterne fortune, lui come documentarista puro e idealista alla ricerca del film perfetto e lei brava produttrice e collaboratrice di un importante e ingombrante padre di successo.

Josh e Cornelia si sentono a un bivio non essendo più nè giovani né veramente anziani. Desiderosi di dare una scossa alla loro monotona vita in cui tutti i loro amici sono diventati genitoritrovano nell’improvvisa e inaspettata amicizia con la giovane coppia formata da Jamie (Driver) e Darby (Seyfried) la loro nemesi perché anche Jamie è un documentarista determinato ad emergere ad ogni costo e Barby una gelataia per passione, e nuovi impulsi creativi e soprattutto assumendo un atteggiamento più “liberal” ed “easy” al quotidiano.

Lo spettatore seguendo le vicende delle due coppie non può non sorridere con un filo di malinconia se osserva il tutto dalla prospettiva dei quarantenni e invece riflettere amaro se pone l’attenzione sulle azioni dei “giovani”.

Sebbene siano due generazioni vicine, sono molto diverse negli ideali, nello stile e soprattutto nel cinismo. I quarantenni di oggi sono nostalgici, pigri e sognatori, in larga parte incapaci di diventare grandi, invece i ventenni sono battaglieri, aggressivi, determinanti e pronti a tutto per ottenere un risultato.

Una commedia agrodolce che evoca toni e stili di “Woody Allen” pur non avendo la stessa ironia, ferocia e capacità di graffiare e di raccontare con il medesimo spirito critico la società, mettendo in evidenza difetti e contraddizioni. La sceneggiatura basata sui dialoghi e sulla parola più che sull’azione perde con il passare dei minuti forza e incisività a causa di un intreccio narrativo nel complesso banale e stiracchiato, facendo venire meno allo spettatore attenzione e interesse.

Una regia pulita, scrupolosa e attenta nel seguire l’evoluzione dei sentimenti e pensieri dei quattro personaggi riuscendo però solo in parte a garantire un buon ritmo narrativo, dando pìù la sensazione di assistere a uno spettacolo teatrale.

Convince di più la coppia formata da Ben Stiller e Naomi Watts, più autentica nel mostrare i pregi e i difetti della loro generazione creando così più simpatia ed empatia con il pubblico.

Il finale, nche se lieto, lascia un retrogusto di amara ironia, perché mostrando come sempre le nuove generazioni siano subito “social” e “comunicative”,  spinge lo spettatore a chiedersi se sia rimasto ancora il tempo e modo di un contatto umano.

Il biglietto d’acquistare per “Giovani si Diventa” è: 1) Neanche regalato 2) Omaggio 3) Di pomeriggio 4)Ridotto 5) Sempre

“Giovani si Diventa”è il film scritto e diretto da Noah BaumbachNoah Baumbach, con :Naomi WattsNaomi Watts,Ben StillerBen Stiller,Amanda SeyfriedAmanda Seyfried,AdamDriverAdamDriver,Charles GrodinCharles Grodin.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.