"Crazy Taxi": divertimento old school

Mercoledì, 12 Agosto 2015 00:00
  

C'è un momento dell'anno in cui l'unica domanda che pare abbia importanza è:«Allora, avete deciso che fate quest'estate?»

 

Tra progetti, proposte idee e sogni, nella totale incertezza, spesso ci si limita ad abbozzare un:«Mah?» ed assumere un'espressione imbambolata che neanche Pippo, per poi far cadere il discorso sulle estati passate e cercare di sembrare un po' meno tontoloni.

 

E così, quando mi hanno chiesto:«Com'è Istanbul?» ho risposto:«Ricorda un po' Napoli... Bei palazzi ma tenuti non sempre benissimo, salite e discese, un'area collinare (Beyoğlu) che ricorda molto il Vomero, Tassisti pazzi...»

 

Tassisti pazzi?

 

Qualcosa si muove nella mente... Un auto gialla a rotta di collo sul lungomare... Ma cos'è?

 

«Ok, yeah, yeah, yeah, yeah, yeah!»

 

L'inconfondibile intro di All I Want degli Offspring spazza via la nebbia.

 

Signore e Signori, saltate a bordo! Stiamo per parlare di un gioco stupendo su una console meravigliosa:

 

Crazy Taxi

 

Crazy Taxi (2000) per Dreamcast!!!

 

Semplificando al massimo, si potrebbe dire che lo scopo del gioco è quello di trasportare i passeggeri da un punto all'altro della città, ma ciò non renderebbe giustizia a uno dei titoli più divertenti e coinvolgenti di sempre. Questo perché - proprio come i loro colleghi di Istanbul - i quattro tassisti di Crazy Taxi (ciascuno col suo macchinone tamarro dotato di differenti caratteristiche) non tengono in grandissima considerazione il codice della strada: salti in stile Dukes of Hazzard, super accelerate e qualunque altra manovra da pirata che consenta di portare il cliente a destinazione, ottenendo una ricca mancia, nonché preziosi seconda extra per continuare a giocare.

 

Crazy Taxi Jump

 

Crazy Taxi nasce infatti nel 1999 come coin-op e anche nelle conversioni casalinghe ha mantenuto quell'elemento spiccatamente arcade che lo rende immediato e spassoso: le partite sono veloci e, proprio come una volta, si gioca per fare punti. Il premio non è una stupenda sequenza finale o un colpo di scena nella trama (Trama?), ma una manciata di secondi di follia in più. Niente segreti, trofei, personaggi nascosti o che altro, solo tanta, anzi tantissima adrenalina, accentuata da una colonna sonora davvero calzante a base di Offspring (con una pregevole selezione di brani presi da Ixnay on The Hombre e Americana) e Bad Religion. Di alto livello anche gli effetti sonori, dai clacson degli altri automobilisti ai motori delle Muscle Car passando per lo stridio degli pneumatici.

 

Oltre a essere stato rilasciato su differenti piattaforme, Crazy Taxi è stato anche il capostipite di una fortunata serie che continua ad essere apprezzata e... Scaricata su qualunque cellulare.

 

Grafica esaltante, sonoro da urlo, divertimento assicurato... Che cosa state aspettando a scaricarlo? Vi troverete in una dimensione video ludica dalla quale ultimamente ci stiamo un po' allontanando, cioè quella divertimento.

 

Puro e semplice.

 

«That's all I want... Yeah! Yeah! Yeah! Yeah! Yeah!»

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 12 Agosto 2015 07:53
Vota questo articolo
(3 Voti)
Letto 1140 volte
Gabriele Basile

I don't believe in many things, but I do believe in duct tape.

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.