Abbiamo visto l’inferno, ma vogliamo tornare a suonare al Bataclan: l'intervista di VICE agli Eagles of Death Metal

Mercoledì, 02 Dicembre 2015 15:11
  

Venerdì 13 novembre 2015, un gruppo di attentatori compie una serie di attacchi terroristici in varie zone di Parigi durante i quali 130 persone perdono la vita; di queste, 89 si trovano al teatro Bataclan per il concerto degli Eagles Of Death Metal, un gruppo rock statunitense, formatosi nel 1998 da un nucleo iniziale composto da Jesse Hughes e Josh Homme (Homme non è però presente al concerto quel giorno). A distanza di due settimane circa, la band accetta di raccontare, in un’intervista per VICE, i fatti vissuti durante l’attentato. 

Dall’intervista si possono cogliere fatti e sensazioni che soltanto chi ha vissuto sulla propria pelle l’accaduto può esprimere. Lo stupore di fronte ad un elemento inaspettato, mentre nell’ambiente vige un’aria di entusiasmo e divertimento, l’improvviso caos e il terrore che, subito dopo la presa di coscienza di ciò che sta accadendo, divampano come le fiamme di un incendio in pochi secondi. 

Spari, sangue, follia, la paura di non sopravvivere e la preoccupazione per i compagni dispersi nella folla. Sembra quasi la descrizione di un film d’azione, ma purtroppo è l’amara realtà.

“Se ci sono stati così tanti morti è perché nessuno voleva abbandonare i suoi amici. In tanti hanno fatto da scudo ad altri” racconta Hughes. Poi, più tardi, aggiunge con determinazione, pur cercando a stento di trattenere le lacrime:

 Abbiamo visto l’inferno ma vogliamo tornare a suonare al Bataclan, non vediamo l’ora di tornare a Parigi e vogliamo essere il primo gruppo che suonerà alla riapertura della sala concerti. 

Dopotutto (può sembrare scontato), anche i musicisti o, più in generale, i personaggi famosi, sono degli esseri umani; la differenza la fa chi, come gli EODM, cerca di trarre qualcosa di positivo da un’esperienza brutale come la strage avvenuta a Parigi, per sè stessi e per le persone sopravvissute. 

Noi siamo sotto i riflettori perché siamo la band, ma siamo qui per rappresentare i fan che non ce l’hanno fatta e di cui nessuno racconterà la storia…

…Vogliamo reclutare altra gente, reclutarla per prendere parte alla vita, per essere cittadini di questa terra - dichiara verso la fine Homme. 

 

Riportiamo in basso la toccante intervista degli Eagles of Death Metal per VICE. 

 

Video

Vota questo articolo
(1 Vota)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.