"Just Cause 3"

Martedì, 15 Dicembre 2015 08:16
  

Oggi faremo un articolo un po' diverso dal solito: non parleremo, infatti, del titolo in sé, quanto piuttosto di una tendenza che sta prendendo piede nel mondo videoludico e che non può essere ignorata.

 

Sebbene infatti JC3 sia un degno successore dei precedenti per tasso di ignoranza e devastazione, la domanda che viene da porsi, osservando il titolo targato Avalanche Studios, è: è davvero una scelta lodevole, fare giochi basati su meccaniche di gioco?

 

Attenzione, non giochi con meccaniche particolari (come lo SPAV in Fallout o le anime perse nei Dark Souls), ma proprio un gioco che esiste con un unico scopo, e più precisamente, parlando di JC3, distruggere qualsiasi cosa ci capiti a tiro con un uso sempre più fantasioso di armi e rampini? E' divertente, nel 2015?

 

Just Cause 3b


Ovviamente questa vuole essere una provocazione, sicuramente il titolo ha una sua storia, eppure dal gameplay presentato non intravediamo altro che la cieca distruzione di tutto ciò che ci si para davanti. Sarebbe come se, per presentare un Assassin's Creed, venissero impiegati 30 minuti di gameplay per descrivere come il personaggio potrà pettinarsi i capelli durante tutto il corso del gioco. A nessuno di voi verrebbe da dire: sì, e allora?

 

Questa tendenza ovviamente non vede coinvolto solo Just Cause, ma anche altri brand che hanno fatto di una singola funzione la loro raison d'être, come i survival free to play che richiedono il crafting come unico mezzo per la sopravvivenza o titoli più gettonati come Shadow of Mordor e Mad Max che vedono l'omicidio a catena come unico mezzo per procedere nella storia.

 

Automaticamente, dunque, viene da porsi un secondo quesito: il giocatore, oggi, vuole fare tante cose, in un videogioco, oppure vuole davvero concentrarsi su una sola cosa che lo faccia rilassare e divertire, dimenticando tutto il resto? Del resto, è dai tempi di GTA San Andreas che le persone godevano nel lo sfruttare e poi massacrare prostitute ignorando completamente la storia, e sebbene Rockstar non abbia mai creato un Grand Theft Arcore, le persone si divertono ancora in questo modo.

 

In definitiva, secondo voi i giochi devono far perdere l'utente in una miriade di attività diverse, o offrirgli soltanto quello che lui desidera?

Ultima modifica il Martedì, 15 Dicembre 2015 20:34
Vota questo articolo
(2 Voti)
Letto 1064 volte
Altro in questa categoria: « "Fallout 4" "Fallen Earth" »

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.