ANTEPRIMA.Un bacio di Ivan Cotroneo: il bullismo è il Vietnam emotivo delle nuove generazioni

Lunedì, 28 Marzo 2016 00:00
  

La vita può essere esperienza meravigliosa e straordinaria, ma nello stesso tempo può rivelarsi traumatica e devastante.

Quando pensate ai vostri sedici anni, quali sensazioni ed emozioni provate?

Quanti di voi sono pronti a evocare ricordi belli e felici?

L’adolescenza, per molti, può trasformarsi in un Vietnam emotivo e la scuola e i compagni possono diventare dei veri incubi.

Paradossalmente, la cattiveria dei coetanei, per quanto sia inconsapevole, può essere feroce e insopportabile. Il bullissimo è una forma di violenza verbale e fisica paragonabile a una vera guerra che gli adolescenti di ogni parte del mondo sono chiamati a combattere.

I bollettini delle vittime del bullismo riempiono quasi giorno le pagine dei nostri giornali, trovandoci impreparati ad aiutarli e a prevenire questo cancro.

Ivan Cotroneo ha deciso, con coraggio civile e passione, di raccontare l’universo giovanile e di mostrare come la diversità possa essere tra gli adolescenti un marchio infamante e fonte di dolore e tragedia.

Lo spettatore conosce, in rapida successione, tre sedicenni: Lorenzo (Ritzberger), eccentrico omosessuale e orfano di genitori, Blu (Romani), brillante scrittrice in erba, considerata dai compagni sessualmente promiscua e, infine, Antonio (Pazzagli), bravo giocatore di basket, ma limitato negli studi e traumatizzato dalla tragica perdita del fratello maggiore.

I tre ragazzi sono anime fragili e sensibili, facili prede di scherni e bullismo da parte della comunità. Stanchi di subire e delle loro rispettive solitudini, decidono di condividere le loro stranezze e diversità e di formare un personale gruppo di mutuo sostegno.

È l’inizio di una bella e intensa amicizia, che sembra essere il perfetto e invincibile scudo per le cattiverie e brutture del mondo. Purtroppo, il sereno e magico triangolo amicale s’incrina fatalmente quando tra i tre s’insinuano i sentimenti e l’attrazione fisica, portando così a una drammatica rottura, soprattutto tra Lorenzo e Antonio. La stessa Blu, dopo aver accettato di essere etichettata come una "baby squillo”, prende coscienza di quanto invero sia la vittima piuttosto che la protagonista di questa infamia e decide di ribellarsi. Una volta rotto il vaso, però, è difficile ricomporre i cocci.

Cotroneo firma un film di denuncia sociale che, sebbene abbia nobili propositi nella sua messa in scena, è però scolastico e solo in parte incisivo nell’intento educativo e nella capacità di scuotere le coscienze dei giovani.

I tre giovani protagonisti, alla loro prima esperienza cinematografica, mostrano passione e dedizione alla causa, ma l’impegno non è sufficiente a colmare l’evidente inesperienza e la limitata personalità e capacità di dare ai rispettivi personaggi autenticità e naturalezza.

La regia stessa di Cotroneo, seppure presenti sprazzi di creatività e originalità, risulta alquanto didascalica e prevedibile, senza riuscire a garantire un costante pathos e ritmo narrativo.

Rimane la sensazione di aver assistito a un ibrido tra documentario e fiction, senza i lati positivi di entrambi i generi.

“Un Bacio” è comunque un prodotto coraggioso, che merita di essere visto nelle scuole, affinché possa generare nei giovani la voglia di riflettere e meditare su quanto sia odioso e stupido “seguire il branco” e non ragionare con la propria testa e di come la scuola debba essere un luogo di condivisione e crescita e non di dolore e sofferenza.

 

“Un bacio” è un film del 2016 diretto da Ivan Cotroneo, scritto da Ivan Cotroneo e Monica Rametta e tratto dall’omonimo racconto scritto da Ivan Cotroneo e pubblicato dalla Bompiani, con Rimau Grillo Ritzberger, Valentina Romani, Leonardo Pazzagli.

 

Il biglietto da acquistare per “Un Bacio” è: 1) Neanche regalato 2) Omaggio 3) Di pomeriggio 4) Ridotto5) Sempre

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.