Manga e folklore: un impero nato sulla leggenda degli oni

Sabato, 16 Aprile 2016 00:00
  

I demoni giapponesi, gli oni, sono creature soprannaturali del folklore nipponico, che da secoli esercitano una forte attrazione. Vengono rappresentati talvolta come creature mostruose e malvagie; altre, invece, come esseri bellissimi, per potersi mescolare tra gli esseri umani, seducendoli o divorandoli.

 

Oni Shuten


Nell'ambito letterario, nello specifico in manga ed anime, hanno ancora oggi un ruolo molto importante: molti mangaka sono riusciti a far decollare la propria carriera attingendo dai miti su queste creature. Oggi si possono contare numerosi fumetti in cui fanno da padroni.


Opera molto famosa, più per i ragazzi, che per le ragazze, è Shutendoji, di Go Nagai, di cui da poco è stato pubblicato un remake, Gomaden Shutendoji, con disegni di Masato Natsumoto, e ambientazione molto simile al precedente, ma storia diversa, ricreata ad hoc in chiave decisamente più moderna.


Anche la regina dei manga, Rumiko Takahashi, ha fatto decollare la sua carriera con opere incentrate su questi orchi. È così profondamente legata ai miti sui demoni giapponesi che ne ha inseriti anche in un'altra sua opera molto importante, InuYasha, arricchendo la trama di numerosi demoni: malvagi e spietati, ma talvolta magnanimi.

 

Oni Chie


Una mangaka che ha fatto la sua fortuna disegnando manga sugli oni è Chie Shinohara, famosa per il suo genere horror/d'amore, ha prodotto numerosi fumetti incentrati sui demoni. Purtroppo molti non sono editi in Italia, soltanto uno fino ad ora è stato pubblicato avente per protagonisti questi esseri.

 

Oni Goz e Mez


Gli oni appaiono anche in un altro manga e anime che tutti noi abbiamo letto o visto, che ci ha accompagnati nella nostra crescita dalla pubertà all'adolescenza, Dragon Ball Z, di Akira Toriyama. Guardiani nel regno dei morti, Goz e Mez, sono due demoni giganti, uno blu ed uno rosso, anche loro disegnati con un solo corno sulla testa, assistenti di re Yammer. Il loro compito è di smistare le anime dei morti dirette all'Inferno ed in Paradiso.


Questi sono alcuni esempi di come un disegnatore sia riuscito ad emergere rispetto ad altri riuscendo ad affermarsi nel mondo dei manga, sfruttando il potenziale del connubio tra passato e presente. Il Giappone non smetterà mai di stupirci con le sue incredibili storie antiche e moderne, proponendoci continuamente grandi classici che tornano sempre di moda.

Vota questo articolo
(2 Voti)
Letto 1162 volte

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.