Il Napoli di oggi, il Napoli del futuro

Venerdì, 16 Settembre 2016 06:30
  

Tra tutti i suoi difetti di certo non si può annoverare l'incoerenza, perché Aurelio De Laurentiis, almeno per quello che riguarda i criteri di mercato, non scende a compromessi: o sono giovani e di prospettiva, oppure non se ne fa niente.

22 anni e 32 milioni, tanto vale Arkadiusz Milik per il Napoli, e in un lampo già divenuto non un idolo - troppe le delusioni su questo fronte - ma un giocatore stimato e apprezzato.

 

Non so se sia migliore del Pipita ma c'è da dire che il ragazzo polacco ha dalla sua delle caratteristiche fisiche e tecniche che nel gioco di Sarri si sposano alla perfezione: la possanza fisica unita a una discreta velocità, che gli rendono più facile fare da boa per le ali, anche se ovviamente difetta sul piano finalizzativo rispetto all'argentino. Inoltre, come si è potuto vedere, fa del colpo di testa, il principale difetto di Higuain, il suo punto di forza, e forse grazie a lui riusciremo a vedere al Napoli quelle giocate per le quali Sarri veniva chiamato "Mr 33 Schemi". Infine, la sua figura non proietta abbastanza ombra da oscurare Gabbiadini, ed avere uno come Manolo come riserva non è da tutti.

 

È stato preso per circa la metà, ma, per quanto mi riguarda, questo è uno dei giocatori di cui si parlerà molto in futuro: mi riferisco a Piotr Zieliński, una mezz'ala all'occorrenza mediano e regista. Ha 22 anni ed è uno dei prospetti di centrocampo più interessanti della Serie A: pochi minuti per lui, probabilmente dovuti alla forma fisica non ancora al top, ma che già hanno mostrato il talento purissimo di questo polacco bravo nell'interdizione, ma ancora di più nella gestione del pallone e nel lanciare i compagni, nonostante il suo punto di forza sia una speciale capacità di muoversi tra gli spazi a mo' di trequartista, ruolo di cui il Napoli aveva estremamente bisogno. Poi diamine, se Sarri gli ha detto che lo voleva sin dall'inizio della sua avventura partenopea ci sarà un motivo.

 

In definitiva questo Napoli è pieno di talenti sia a breve che a lungo termine, ma senza illudersi, davanti a sè non ha avversari a portata, in nessuna delle competizioni, nelle quali, purtroppo, può solo sperare di fare un buon cammino e investire in un futuro che sembra roseo.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.