Stampa questa pagina

ANTEPRIMA: Ben-hur o dell'inutilità di un remake

Giovedì, 29 Settembre 2016 00:00
ANTEPRIMA: Ben-hur o dell'inutilità di un remake
  

Avviso ai miei due lettori: questa recensione è scritta per senso di responsabilità e rispetto nei confronti del mio caporedattore Emma di Lorenzo e per il cortese invito ricevuto dalla Universal. In assenza di questo, mi limiterei a scrivere: non andate al cinema a vedere questo inutile remake e recuperate il Ben-Hur del 1959 con Charlton Heston.

Fatta questa doverosa promessa, mi avventuro nell’ardua impresa di commentare una pellicola che ha solo il nome in comune con il prestigioso e meraviglioso kolossal che ha fatto la storia del cinema.

L’appello che posso rivolgere ai giovinastri incuriositi dalle immagini di battaglia in 3D e, magari, coinvolti dall’eccitante gara tra Ben-Hur e il fratellastro Messala con la quadriga nel circo è non fermatevi solo agli effetti speciali, a tratti inutili, ma approfondite la storia.

Ben-Hur è più di un racconto di riscatto, tradimento e vendetta, come è stata impostato in questo remake. Il principe Giuda Ben-Hur, ingiustamente accusato di aver attentato con una freccia alla vita del governatore Ponzio Pilato (in realtà l'incidente è causato dalla caduta di una tegola dovuta alla disattenzione della sorella di Ben-Hur), è fatto schiavo e costretto per cinque anni alla dura vita all'interno di una galera romana con la sua famiglia brutalmente carcerata.

Il Ben-Hur del 2016 si distacca molto da quello del 1959 e, in questo voler cambiare e modernizzare perde di forza, fascino e spiritualità.

La sceneggiatura di questo remake è davvero ben poca cosa risultando poco incisiva, opaca, alla stregua di una soap opera, piuttosto che di un film storico di ampio respiro.

La spiritualità è imputabile al profondo e intenso legame che univa la storia di Ben- Hur a quella di Gesù e a come il primo sia “toccato” dalla bontà e forza mistica del secondo.

In questo remake, Messala è disegnato come un giovanotto romano desideroso di riscattare il tradimento del nonno, quando invero era forte la voglia di avere una propria autonomia e indipendenza.

La sola e maestosa interpretazione di Heston merita la visione del film originale: il suo carisma, la forza e la personalità hanno consegnato il personaggio di Ben- Hur alla storia.

Al contrario, dell’intero cast del remake 2016 difficilmente rimarrà traccia già nei prossimi mesi tra gli appassionati dei film storici, nonostante la presenza di Morgan Freeman.

Il Ben-Hur del 2016 abusa del 3D cercando di trascinare lo spettatore all’interno delle scene più importanti, come lo speronamento della nave romana da parte dei greci e la corsa tra Ben-Hur e Messala, senza però riuscire nell’intento.

È la conferma ulteriore che gli effetti speciali a volte danneggiano un film piuttosto che lanciarlo. Sicuramente la pellicola è bella da vedere per le ambientazioni e ricostruzioni, ma basta fare un breve raffronto con il film del 1956 per rendersi conto dell’abissale differenza artistica.

La regia di Timer BekmambetovTimer Bekmambetovpur disponendo di nuove e avanzate tecnologie e di grandi risorse rispetto alla direzione di William Wyler (Ben Hur 59) è modesta, scolastica e priva di una precisa identità e grandezza artistica.

Il Ben-Hur del '59 vinse undici Oscar e tutt’ora rimane un film da vedere e ammirare fino all’ultimo fotogramma, quello di oggi, osservando anche solo il finale in stile Beautiful, spinge lo spettatore a ricordare con malinconia le serate con I Bellissimi di Rete 4.

 

“Ben – Hur” è un film del 2016 diretto da Timer BekmambetovTimer Bekmambetov, scritto da : John RidleyJohn Ridley, con : Jack HustonJack HustonToby KebbellToby KebbellMorgan FreemanMorgan FreemanRodrigo SantoroRodrigo SantoroNazanin BoniadiNazanin Boniadi,Ayelet ZurerAyelet ZurerSofia Black-D'EliaSofia Black-D'Elia.

 

Il biglietto d’acquistare per “Ben-Hur” è: 1) Neanche regalato (Con Riserva) 2) Omaggio 3) Di pomeriggio 4) Ridotto 5) Sempre.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.