Il Bataclan un anno dopo riapre con Sting

Martedì, 15 Novembre 2016 08:25
  

Il 13 Novembre 2015 e la strage del Bataclan rappresentano un’orribile ferita ancora aperta nella storia della Francia e di tutti noi. Ad esattamente un anno di distanza da quel tragico giorno tutti gli occhi sono puntati di nuovo sulla storica sala concerti di Boulevard Voltaire. Qualcosa è cambiato, il locale ha subito una drastica ristrutturazione, ma per i pochi sopravvissuti a quel tragico evento, presenti al concerto di riapertura, si respira ancora una forte aria di lutto. Sono le 21 e Sting sale sul palco con la sua band, chiede un minuto di silenzio al pubblico commemorando le numerose vittime. Inizia il concerto: l’ex frontman dei Police dà il meglio di sè, ripercorrendo la storia dei suoi successi sia in solitaria sia con la storica band icona degli anni '70/'80. Da Fragile a Roxanne, passando per Message in a bottle e Walking on the moon, sono queste le tracce che per un’ora e mezza circa hanno animato i 1500 spettatori del Bataclan che, oltre a godersi il mitico Sting live, hanno contribuito a sostenere le due associazioni Life for Paris e 13 novembre. L’intero incasso ricavato dai biglietti è stato devoluto a questi due enti. Una serata spettacolare ed un’ ottima occasione di rinascita per il Bataclan quanto per Parigi, a cui non hanno assistito gli Eagles Of Death Metal (band che suonava durante l'attentato), a cui è stato vietato l’ingresso per via dei sospetti che la band ebbe sull’organizzazione interna del locale negli istanti immediatamente successivi alla strage.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.