Come diventare grandi nonostante i genitori: i cattivi maestri tracciano la strada del futuro

Giovedì, 24 Novembre 2016 16:34
  

Esiste un manuale per essere dei buoni genitori? I figli crescono in maniera più matura e responsabile facendo loro passare ogni capriccio o costringenoli anche ad accettare dei secchi e duri 'no'?

Come può un ragazzo di oggi diventare adulto nonostante i genitori? Gennaro Nunziante ha voluto rispondere a questa domanda, firmando una sceneggiatura ambiziosa che unisce il mondo e l'atmosfera Disney alla mentalità della società italiana.

I protagonisti di Come diventare grandi nonostante i genitori sono i personaggi della famosa serie televisiva Alex e Co che, per il sottoscritto, erano degli illustri carneadi fino alla visione del film. Quando al liceo arriva la nuova preside (Buy), che decide di non aderire al concorso scolastico nazionale per gruppi musicali, i ragazzi, con la loro sfrenata passione per la musica, subiscono un duro colpo. Anche i genitori corrono a protestare: a quel punto la preside decide addirittura di raddoppiare il lavoro quotidiano dei ragazzi. Dopo i primi voti bassi, i genitori consigliano prudentemente ai propri figli di sottostare alle decisioni della nuova preside: ma i ragazzi, con orgoglio, decidono di iscriversi al concorso musicale pur avendo contro scuola e parenti. L’ardua sfida li porterà a crescere in modo sorprendente tra ostacoli di ogni tipo da superare.

La scelta della produzione di non inserire il marchio sicuro Alex e Co nella  locandina è stata coraggiosa, volendo costruire un progetto di più ampio respiro e non solamente legato a un pubblico giovanile e una storia più adulta e profonda nelle tematiche.

La scommessa è stata vinta solamente in parte, si ha la sensazione di vedere un film di respiro televisivo e costruito sui personaggi della serie, riducendo a spalle attori di valore e esperienza come ad esempio Margherita Buy e Giovanna Mezzogiorno e Paolo Calabresi. Chi non conosce Alex e amici fatica ad entrare in empatia con i personaggi e pur osservando con discreto interesse il garbato, leggero, scorrevole intreccio narrativo, il film risulta abbastanza scontato e prevedibile, almeno fino al sorprendente e riuscito finale.

Come diventare grandi nonostante i genitori è un film godibile e da vedere, nel complesso ben diretto e interpretato con volontà e passione dai giovani e con professionalità ed esperienza dagli attori più maturi.

Chi sa dire no e appare come cattivo maetro può essere un modello da seguire nella crescita e maturazione dei propri ragazzi.

 

Il biglietto d’acquistare per “Come diventare grandi nonostante i genitori” è: 1) Neanche regalato 2) Omaggio 3) Di pomeriggio (Con Riserva) 4) Ridotto 5) Sempre

 

“Come diventare grandi nonostante i genitori” è un film del 2016 diretto da Luca Lucini, scritto da Gennaro Nunziante, con : Giovanna Mezzogiorno, Margherita Buy, Matthew Modine,  Paolo Calabresi

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.