Stampa questa pagina

15 gennaio 2018, il nostro saluto a Dolores O’Riordan

Martedì, 16 Gennaio 2018 16:41
15 gennaio 2018, il nostro saluto a Dolores O’Riordan
  

Era il 2008, l’anno del mio primo viaggio all’estero da sola: vacanza-studio in Irlanda. Le pareti delle aule al Maynooth College erano un altare ai due miti della musica nazionale: i più datati – ma evergreen – U2 e una band più moderna, i Cranberries, che le nostre insegnanti ci facevano ascoltare nelle sue varianti parascolastiche (Karaoke, “Aggiungi la parola che manca”). C’erano anche quelle feste, durante gli anni del liceo, in cui amici alla chitarra ancora inesperti si rifugiavano nella comfort zone dei pochi accordi di Zombie.

dolores 1 Erano i primi anni duemila, eppure quelli che all’epoca erano adolescenti non potevano non conoscere la musica di uno dei gruppi irlandesi più in voga nel decennio precedente. Con Dolores O’Riordan se ne va il ricordo di quelle feste, di quei prati verdi d’Irlanda; si spegne il canto di protesta contro le ingiustizie del conflitto nordirlandese (Zombie), quell’inno all’amore vero, incorruttibile, istintivo (Animal Instinct).

Ieri, 15 gennaio 2018, si spegne a Londra una delle icone più significative della musica Rock. Sulle cause del decesso vige ancora il diritto di riservatezza richiesto dalla famiglia. È probabile che si tratti dell’aggravarsi di una condizione di salute che aveva spinto il gruppo a rimandare alcune date del tour.

Dolores O’Riordan non era soltanto la voce dei Cranberries – una voce inconfondibile, potente, calda, nasale -, ne era le parole, le idee, il simbolo inconfondibile, nonostante i suoi continui cambi di stile.

Ce n’è uno, tra gli altri, che varrà la pena ricordare: quello del 1999, con i capelli cortissimi e l’audace reggiseno rosso che fa da capolino nell’abito nero. È il concerto in cui la cantante di Limerick brucia il palco di Parigi in una versione dolcemente stonata di Dreams. Non perdetevene neanche un secondo: https://www.youtube.com/watch?v=etbzmEk6FTk

Ciao, Dolores.

dolores 2 

Vota questo articolo
(1 Vota)
Anna Fusari

Ultimi da Anna Fusari

Articoli correlati (da tag)

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.