Vecchi videogiochi: che passione!

Mercoledì, 17 Gennaio 2018 00:00
  

Ve le ricordate le avventure grafiche? Quei videogiochi che facevano sognare e qualche volta imbestialire gli aspiranti nerd davanti ad uno schermo? Chi è cresciuto a pane e George Lucas non potrà non ricordare i capolavori della LucasArts: vere e proprie storie che rivaleggiavano con quelle dei film.


Chi ha qualche capello bianco ricorderà, tra i tanti videogiochi pubblicati, le avventure ambientate a Monkey Island che tenevano incollati alla scrivania fino a tarda notte.


Trent'anni fa si aspettava con impazienza l'uscita del supporto materiale, che poteva essere anche un un nuovo manageriale o una nuova ed esilarante avventura grafica di Guybrush Threepwood. Invece oggi si acquista tutto in rete con un semplice click. Infatti per l'acquisto si può ricorrere al collaudato Steam, ma i nostalgici, in mancanza dei vecchi computer (Amiga, Atari, Commodore...), che ormai appartengono alla storia dell'informatica, possono utilizzare gli emulatori per i vecchi videogames a 8 e 16 bit che hanno scaldato i cuori dei millennials.


La notizia di questi giorni è che uno di questi emulatori, lo ScummVM, ha potenziato il suo motore grafico per permettere anche ad altri videogiochi di entrare nella lista di quelli già supportati dal famosissimo programma. Si potrà giocare finalmente anche con Cranston Manor, con Full Pipe e con tanti altri games diventati abandonware.


È possibile scaricare la nuova versione cliccando quicliccando qui che potrà essere utilizzato su tutti i PC Windows, su Linux, su Mac Os e finalmente anche su Playstation3 e Dreamcast.


Non dite che non vi avevo avvisato!

 

I videogames attuali sono senz'altro spettacolari, ma purtroppo freddi. Gli odierni sviluppatori, bravissimi nella parte grafica, magnifica, realistica e piena di colori, lo sono meno nel riuscire a coinvolgere e a far appassionare i giocatori, cosa che riuscivano a fare gli sviluppatori dei vecchi cari videogiochi.


Ridatemi il vecchio SimCity e Prince of Persia. Ridatemi quei giochi che mi trascinavano nel computer, quelli che mi scatenavano l'adrenalina, quelli che mi facevano ridere e quelli che mi facevano sognare.

Ultima modifica il Martedì, 16 Gennaio 2018 10:11
Vota questo articolo
(1 Vota)
Letto 275 volte

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.