Baby gang a Napoli: la situazione odierna. Le aggressioni di queste settimane hanno portato i cittadini nello sconforto.

Giovedì, 25 Gennaio 2018 13:41
  

Non si placano a giungere da ogni dove notizie su qualche baby gang che agisce sempre più come un branco spietato. Lo abbiamo capito, è la moda del momento. Oramai è una gara a chi è il più stupido ad imitare le mode di Gomorra o a comportarsi come un animale. La violenza tra i minori c’è sempre stata, non è una novità. I bambini creano scompiglio da quando è nato il mondo. Non è una giustificazione, ma un memento mori. Si sa che quando scatta una qualche emergenza, Napoli non si fa mai trovare impreparata ed è lì che spunta sui giornali. Incredibilmente l’ultima, di martedì pomeriggio non è stata segnalata dai quotidiani: una coppia che si trovava in auto a via Foria, ha passato dieci minuti di panico per coppia di quattro motorini che si sono avvicinati; tutta questa agitazione per un cellulare e un portafoglio (di lui). Ma è passato in sordina anche un altro dato: quasi tutte le aggressioni avvenute al centro storico di Napoli, sono state in una determinata zona, via Foria. Via Foria è oramai terra di nessuno, ovvero di nessun clan. Dove non c’è l’occhio della camorra che vigila, a quanto pare, ci sono le paranze dei bambini. Per l’accoltellamento del giovane Arturo ci sono 200 indagati; la maggior parte di loro è figlio di pregiudicati. La violenza giovanile potrebbe essere fermata una volta e per tutte se le Istituzioni davvero facessero qualcosa a tal proposito. Per esempio servizi sociali dovrebbero lavorare più a stretto contatto con le scuole per ricevere le segnalazioni da parte dei docenti di qualche soggetto che tende a diventare un bullo. I ragazzini possono essere educati e salvati. Il problema è abbandonarli per una questione di “mancanza fondi”.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.