A Napoli non esiste solo il caffè sospeso. C'è anche il cantiere sospeso…

Domenica, 11 Febbraio 2018 13:17
  

La storia si ripete almeno due volte diceva Marx: la prima in tragedia, la seconda in farsa.

Una massima che rispecchia in pieno le “faccende napoletane”.

Il Comune di Napoli ha comunicato, tramite agenzie, che il cantiere della Facoltà di medicina, sito a Scampia, verrà chiuso. Il costo complessivo della struttura è stato di circa 30 milioni d'Euro, sostenuto gran in parte dalla Comunità Europea. La Regione Campania ha mancato di erogarlo provocando, da parte di Palazzo San Giacomo, l'ordine della sospensione immediata dei lavori con il conseguente allungamento dei tempi di consegna del cantiere, con la crescita dei costi e l'azzeramento di posti di lavoro. 

Per la periferia a Nord di Napoli è stato un brutto colpo poiché i politici, in campagna elettorale e non, avevano sempre asserito che il polo universitario sarebbe stato il perno attorno a cui avrebbero ruotato attività della nuova città metropolitana.

É una tragedia perché non è la prima volta che Napoli è invasa da cantieri di cui è certa solo la data di apertura e il disagio per traffico cittadino. La tragedia tende poi a trasformarsi in farsa perché i napoletani sanno a priori che i lavori, conseguenti all'apertura dei cantieri, si prolungheranno all'infinito a causa di rimpalli burocratici tra enti locali, regionali e nazionali. Enti che invece di collaborare tra loro cercano di non assumersi appieno l'onere delle spese da sostenere. In questa zona piove sempre sul bagnato. 

Non vi sono solo lungaggini causate da lotte intestine, ma anche quelle dovute a strane fatalità che hanno interessato per esempio la riconversione della caserma Boscariello, situata tra Scampia e Secondigliano.

Le istituzioni avevano parlato di una riqualificazione della zona grazie alla trasformazione della dismessa caserma in una Cittadella dello Sport. Il progetto fu annunciato in pompa magna, la ruspa sferrò qualche colpo ad un edificio, ma a tutt'oggi la situazione è bloccata perché in quell'area è stata collocata ad interim una tendopoli per i Rom. Sembra quasi che lo sport preferito dei nostri politici sia quello di presenziare alle inaugurazioni e  promettere, promettere e promettere.

foto da : https://pixabay.com/it/agrimensura-cantiere-teodolite-232550/

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.