Google ha vietato sette domande ai colloqui perché nessuno sapeva rispondere

Mercoledì, 07 Marzo 2018 15:42
  

Il colosso della ricerca Google ha deciso di vietare sette precise domande, usualmente poste nel corso delle interviews. Motivo? Tutti facevano scena muta! Sarebbe infinitesimale, infatti, la percentuale di candidati che saprebbe rispondere a queste domande, ritenute “praticamente impossibili”. Andiamo a scoprire, allora, i temibili quesiti che valgono a giocarti il posto a Mountain View!

 

ARTICOLO 18

 

Partiamo con il quesito su quanti gradi misura l’angolo formato dalle lancette dell’orologio alle tre e un quarto. Vi diamo uno spoiler, la risposta non è “zero”. Proseguiamo quindi con la domanda su quanti dollari servano per lavare tutte le finestre di Seattle. Pare che Google abbia anche chiesto ai propri candidati di spiegare in tre frasi che cosa sia un database. Ad un ipotetico nipote di otto anni. E siamo solo all’inizio. Per diventare un dipendente Google, bisogna sapere per quale motivo i tombini siano tondi, e non di un’altra forma. Ancora, come dividere il tesoro di una nave pirata in modo da sopravvivere, ma anche da accontentare gli altri pirati e non farsi uccidere. Forse saranno fissati con gli orologi, perché pare che gli intervistatori ti chiedano anche quante volte al giorno le lancette si sovrappongono. Non solo; pare che tu debba anche disporre di poteri da medium per sapere che cosa diavolo è successo ad un uomo che spinge la sua macchina fino ad un hotel, dopo aver perso tutti i suoi averi.

 

Non so voi, ma personalmente non avrei saputo rispondere neanche a mezza. Credo che cercherò le risposte su Google.

 

link alle foto: https://www.technoblitz.it/google-lancia-oreo-su-entry-level/

https://twitter.com/google

Vota questo articolo
(0 Voti)
Chiara Pizi

"Definire è limitare", diceva Oscar Wilde. E, a me, pormi limiti proprio non piace. Quello che sono, scoprilo leggendomi! 

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.