Zeppole, che passione!

Mercoledì, 14 Marzo 2018 21:59
  

I dolci napoletani hanno origini antiche e loro nascita è stata spesso influenzata da un misto di culture. Alcune ricette risalgono all'epoca greca, altre rievocano sapori orientali, come si evince dall'uso del miele e dei canditi, altre ancora prendono spunto dalla cucina francese, ma tutte si sono poi trasformate secondo il gusto locale.


Per ogni ricorrenza c'è una delizia per il palato: la pastiera, il babà, gli struffoli, la sfogliatella, il migliaccio e tanto altro ancora spalmato lungo tutto l'arco dell'anno. Così, marzo non è solo il mese della primavera, ma è anche il mese in cui tutta Napoli si riempie dell'odore di uno dei dolci più buoni della sua storia culinaria, ovvero quello delle zeppole.


Queste soffici frittelle hanno origini antiche risalenti addirittura all'epoca romana, quando gli abitanti festeggiavano Bacco e Sileno durante le celebrazioni della Liberalia gozzovigliando con vino e paste di frumento, cotte nello strutto bollente. L'avvento del Cristianesimo non ha cancellato questa antichissima tradizione, ma l'ha assimilata e fatta propria per onorare uno dei Santi più amati a cui è dedicata la Festa del Papà che si festeggia mangiando proprio le ben note zeppole. Questa bontà è associata a San Giuseppe perché, secondo la leggenda, egli affiancò al mestiere di falegname quello di friggitore di frittelle durante la fuga in Egitto.


La ricetta originale si avvicina a quella del bigné francese e risalirebbe, secondo il trattato Cucina teorico-pratica di Ippolito Cavalcanti, al 1837: un preparato a base di zucchero, uova, farina, burro, fritto e decorato con crema pasticcera, zucchero a velo e amarena sciroppata. È un dolce tradizionale mangiato ancora oggi, ma, nei tempi addietro, risultava costoso per il nostro popolo che onorava il Santo con le classiche ciambelle di patate fritte prima nello strutto e poi zuccherate. Ricetta ancora oggi rispettata.

 

Risulta, comunque, sempre delizioso mangiare l'uno o l'altro dolce. Buon appetito!

 

 

 

 

 

Link all'immagine originale: https://pixabay.com/it/pasticceria-zeppola-napoletana-1538782/ 

Vota questo articolo
(1 Vota)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.