Tormento primaverile: l'ora legale

Mercoledì, 11 Aprile 2018 08:46
  

Odio guardare l'orologio e dire:«È già mezzogiorno ed ancora non ho concluso niente!» Odio che qualcuno mi dica:«Sbrigati che è tardi!»


Forse non tutti saranno d'accordo con me, ma detesto l'ora legale poiché la considerò dannosa per il mio ciclo di vita naturale.
Il mio corpo possiede un orologio interno collegato ai ritmi della natura che viene sbilanciato dall'ora legale ed un'ora di sole in più non mi serve nemmeno per sintetizzare la beneamata la vitamina D, dal momento che non posso passeggiare liberamente senza il timore di imbattermi in qualche baby gang. Qualcuno potrebbe obiettare che queste "birbe" non guardino l'orologio, ma io preferisco sperare che il buio le faccia rintanare nelle loro case!


Logicamente sto ironizzando, ma l'odio per l'ora legale mi sorge spontaneo.


Ma chi ha inventato l'ora legale, questa consuetudine che ci fa spostare le lancette un'ora avanti? Il colpevole è stato Benjamin Franklin che capì che facendo adattare l'orario ai cambiamenti della luce si sarebbe risparmiata energia destinata all'illuminazione. Il suo suggerimento cadde nel vuoto, ma fu riconsiderato, in molti paesi d'Europa, durante la Prima Guerra Mondiale, quando il risparmio energetico risultava importante. In Italia entrò in vigore con continuità nel 1966 e dal 1996 fu adottata con un calendario comune in tutta Europa.


Ma i bisogni del mondo super-industrializzato sono cambiati: ciò che risparmiamo sulla bolletta per l'illuminazione è vanificato dall'uso eccessivo di apparecchiature elettriche che divorano energia indipendentemente dalle ore di luce. Anche alcuni eurodeputati hanno proposto l'abolizione del cambio orario affermando che studi scientifici hanno dimostrato che non ci sono stati  effetti economicipositivi, ma al contrario hanno rilevato effetti negativi sulla salute umana e sull'agricoltura. La richiesta è stata bocciata, ma spero che in futuro ci sia l'opportunità di ridiscuterla.


L'ora legale scatta sempre la domenica in modo che le persone si adattino, dormendo un poco in più, dolcemente alla variazione di orario.


Peccato, per me non è stato così.


Il sabato sono andato al letto dopo la mezzanotte, la domenica mi son dovuto svegliare alle 6:30 per assistere al primo Gran Premio di F1 del 2018!

 

 

 

 

Link all'immagine originale: https://pixabay.com/it/tempo-di-conversione-orologio-2205490/

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.