"Entre-deux et Nouvelle Brachylogie": convegno internazionale alla Parthenope

Mercoledì, 16 Maggio 2018 07:53
  

Tutti gli Atenei Campani riuniti per discutere su una nuova scienza all'Università "Parthenope" il 17 e il 18 maggio, questo l'intento manifestato dal Magnifico Rettore, prof. Alberto Carotenuto, dal Pro-Rettore all'Internazionalizzazione, prof. Luigi Romano e dal Direttore del Dipartimento di Studi Economici e Giuridici, prof. Antonio Garofalo.


Il gruppo Brachilogia-Italia dell'Università "Parthenope" (proff. Carolina Diglio, Raffaella Antinucci, Maria Giovanna Petrillo) ha organizzato, in collaborazione con "L'Orientale" (proff. Jana Altmanova, Maria Centrella, Federico Corradi), la "Federico II" (proff. Giovanni Agresti, Valeria Sperti), il "Suor Orsola Benincasa" (prof. Alvio Patierno), la "Luigi Vanvitelli" (prof. Carmen Saggiomo), il Coordinamento Internazionale di Ricerca e Studi Brachilogici (CIREB - Parigi), la S.I.DE.F. (Società Italiana dei Francesisti), l'Istituto Isabella d'Este Caracciolo di Napoli, un convegno internazionale dal titolo Entre-deux et Nouvelle Brachylogie: Convergences et divergences de deux concepts con il patrocinio dell'Università Italo Francese.


Il concetto di Nouvelle Brachylogie è definito come "un modo di essere verso sé stessi, verso l'altro, secondo il discorso basato sullo spirito di conversazione come principio etico e di concretizzazione filosofica della democrazia intesa come ideale di partecipazione di ciascuno, nell'equivalenza degli statuti, alla gestione degli affari di tutti", come afferma il papa della Nuova Brachilogia, Mansour M'Henni dell'Università di Tunisi.

 

Mansour Mhenni

 

Così, la Nouvelle Brachylogie avrebbe due volti, il volto della "brachipoetica", che costituirebbe il metodo di approccio e di analisi della logica del discorso da un punto di vista conversazionale, e il volto della "brachilogia generale", chiamata a studiare i funzionamenti e le implicazioni della pratica conversazionale sulla vita comune e professionale.

 

Il convegno internazionale, in cui converranno studiosi di chiara fama e i cui interventi saranno pubblicati sulla rivista internazionale "Conversations", prevede la proiezione del docufilm selezionato al festival di Avignone, Le Projet du traducteur di Gaëlle Courtois con Pietro Pizzuti e la partecipazione di Stefano Massini prodotto da Alain Esterzon e, a chiusura una mostra fotografica a cura dello studio "Dueminimo" intitolata Des Mots aux choses, che rifletterà, in questo percorso, sulla possibilità di distinguere un'architettura discorsiva da un'architettura conversazionale.

Vota questo articolo
(0 Voti)
Altro in questa categoria: « Zeppole, che passione!

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.