Nord Corea: che danno in tv?

Mercoledì, 13 Giugno 2018 08:27
  

Due giorni fa si è svolto un evento che passerà sicuramente alla storia: dopo innumerevoli smentite e riconferme, finalmente c’è stato l’incontro tra il presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, e il leader nordcoreano Kim Jong-Un.

Cosa sappiamo della Corea del Nord? Non proprio tantissimo. Si tratta, infatti, di un Paese in cui vige una dittatura intenzionata a isolare lo Stato dal resto del mondo tramite relazioni internazionali davvero scarse e una politica economica fortemente protezionista. Fino ad ora, a quanto pare: probabilmente siamo di fronte a un cambiamento di rotta.

Date queste premesse, non ci aspetteremmo mai di trovare, in uno Stato dittatoriale come quello nordcoreano, una soap opera liberamente ispirata all’americanissima e famosissima Friends. Eppure c’è!
Si tratta di 우리의이웃들, ovvero Our Neighbours (I nostri vicini), in cui si vedono proprio sei personaggi (più un bambino), tutti residenti nello stesso condominio, che vengono seguiti nella loro vita quotidiana e affrontano problemi e situazioni simili a quelle che vivono le persone nell’Occidente: il marito che non collabora nelle faccende domestiche, la vita scolastica del bambino, i due amici rimasti single che flirtano.



Tuttavia, come potete notare dall’episodio qui riportato, vi sono anche enormi differenze con la versione americana. Innanzitutto mi ha colpito l’età dei personaggi, i quali sono molto più maturi rispetto ai sei newyorchesi. Bisogna poi dire che questo show, in realtà, prevedibilmente, trasmette innumerevoli messaggi subliminali o comunque di propaganda statale. I sei protagonisti vivono in una zona apparentemente esclusiva di Pyongyang, in un rispettabilissimo condominio, i cui appartamenti erano donati dallo Stato a individui meritevoli per i benefici da loro apportati alla dittatura. Nello show, ciò si rispecchia ad esempio nella professione dei corrispettivi nordcoreani di Ross e Rachel: lui professore di fisica nucleare, lei stilista dell’esercito.
Si tratta quindi del ritratto della vita di una ristretta cerchia della popolazione nordcoreana, che invece spesso vive in condizioni davvero dure e miserabili, soprattutto nelle periferie.

Our Neighbours però non è il solo show che spicca per contenuti propagandistici. È degnamente seguito da Young Researchers (Giovani ricercatori), che parla di studenti che si motivano a vicenda per ottenere i migliori voti e vincere lo science prize. Anche qui si tratta di una situazione prevedibilmente più unica che rara: la supertecnologica scuola in cui è ambientato lo show non credo sia la regola in Nord Corea, ma quello che conta è stimolare i giovani, il cui consenso è importantissimo per Kim Jong-Un, a diventare scienziati e, un giorno, collaborare e migliorare il programma nucleare, altro punto fondamentale della politica del dittatore.

Per fortuna noi abbiamo Alberto Angela!






Link alla foto: http://www.sardegnablogger.it/e-la-televisione-bellezza-di-maria-dore/http://www.sardegnablogger.it/e-la-televisione-bellezza-di-maria-dore/

Vota questo articolo
(6 Voti)
Annachiara Giordano

Studentessa di Lettere moderne e aspirante giornalista, sono appassionata di letteratura e viaggi, cinema e telefilm, insomma di tutto ciò che possa stimolare fantasia e immaginazione. 

Sito web: https://www.facebook.com/annachiara.giordano1?ref=tn_tnmn

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.