Nascita e sviluppo dei campionamenti musicali

Sabato, 21 Luglio 2018 00:00
Nascita e sviluppo dei campionamenti musicali computer in sala di incisione
  

Ascoltando canzoni, per radio attraverso qualsiasi altro supporto, può capitare di sentire rumori strani, suoni particolari o spezzoni di melodie note.

Sappiamo bene che tutto ciò è opera della tecnologia moderna che permette, in corso d'opera, “diavolerie” impensabili fino a pochi anni fa.

 

All'inizio del secolo scorso, chi voleva riprodurre riff o strumenti caratteristici doveva riprodurli dal vivo. Ma l'invenzione dei registratori multitraccia ha facilitato la vita ai musicisti e agli ingegneri del suono, perché finalmente si sono resi disponibili librerie con suoni e rumori  sovrapponibili a qualunque brano. Nacquero così i campionamenti musicali a cui dai rumori di strada, versi di uccelli, suoni di campane e così via si aggiunsero cori, marce e melodie standard di orchestre o di singoli strumenti.

 

Tutto divenne riproducibile dal vivo con supporti come il Chamberlin e il Mellotron, veri e propri congegni elettro-meccanici, i quali permettevano di richiamare i campionamenti incisi su nastro, pigiando anche un solo dito sulle loro tastiere (demo).

 

Negli anni '60, davanti a questi nuovi giocattoli (così venivano chiamati), i puristi storcevano il naso perché si rendeva superfluo l'ingaggio di musicisti esterni. Ma ben presto si aprirono le porte ai sintetizzatori. Nascevano le tastiere monofoniche. La prima a scendere in campo fu il Moog che, grazie ad oscillatori e moduli, permetteva di creare suoni nuovi alternando anche la loro frequenza girando  semplici manovelle.

moog copia

 

Con lo sviluppo tecnologico si è arrivati non solo a polifonie complete, ma a strumenti meno ingombranti e sopratutto meno costosi, come le tastiere attuali che, grazie a rom esterne, possono aumentare la gamma di suoni offerti.

Con internet i campionamenti sono alla portata di tutti. Senza tastiere, ma con un semplice computer chiunque può registrare una traccia, senza bisogno di andare in sala di incisione, richiamando intere librerie o di loops.

Foto principale presa da:

https://www.pexels.com/photo/audio-business-computer-connection-265672/ 

Foto Moog presa da: 

http://www.hakenaudio.com/Continuum/examplesmsmoogmo.htmlhttp://www.hakenaudio.com/Continuum/examplesmsmoogmo.html

 

Vota questo articolo
(1 Vota)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.