"The Walking Dead": un finale di stagione non all'altezza

Martedì, 02 Aprile 2019 10:38
  

"This is how the world ends: not with a bang but with a whimper".

 

Sostituite "The Walking Dead" con "the world" e avrete la descrizione dell'episodio andato in onda ieri sera su Fox.

 

Al di là di una bellissima fotografia e di alcuni momenti come la fine della relazione tra Carol ed Ezekiel, non si riesce a capire cosa possa spingere a consegnare un prodotto – letteralmente – così privo di mordente, cosa che nel season finale di uno show di zombies è assolutamente imperdonabile. Quell'immagine di Lydia e dello zombie congelato tornerà sicuramente a tormentare i nostri incubi, benché non nel senso che gli sceneggiatori auspicherebbero.

 

E dire che delle discrete premesse c'erano, con la scena delle teste sui pali che aveva chiuso l'episodio precedente; anche se, a ben guardare, già da una semplice occhiata può capire tanto. Chi legge il fumetto già sapeva cosa sarebbe successo e cosa aspettarsi, ma vale la pena soffermarsi un attimo sull'identità delle persone uccise da Alpha e i sussurratori: se nel fumetto perivano Olivia, Josh, Carson, Tammy, Luke, Erin, Ken, Amber, Larry e Oscar, con Rosita ed Ezekiel come "morti illustri", in TV rimane la sola Tammy più Ozzy, Alek, DJ, Addy, Rodney, Frankie come peones, più Enid e Tara come pezzi da 90, con la testa di Henry ultima ad essere rivelata.

 

Henry, già.

 

Se la scena era stata concepita con in mente un crescendo drammatico, beh, il risultato è stato un fiasco. L'unica spiegazione plausibile è che il target di TWD sia diventato quello dei teenager a cui importa più dello scialbo Henry che di un personaggio storico come la povera Tara.

 

Eppure, anche così, la palizzata di teste incuteva un certo timore reverenziale e faceva ben sperare per l'episodio di ieri sera, che invece si è rivelato lento e privo di quella tensione che dovrebbe caratterizzare un finale di stagione di una serie "action". Nemmeno il "cliffhanger" si è rivelato degno di tal nome: avrebbe avuto un po' di senso in più una voce gracchiante da una radio SENZA vedere prima i protagonisti che la usano. Voglio dire: dove risiede la drammaticità e/o la sorpresa? Se Ezekiel usa una radio, è perfettamente logico aspettarsi che anche altrove qualcuno ne usi una.

 

Brutto episodio, quindi? Neanche tantissimo per gli standard attuali del prodotto, ma assolutamente improponibile come finale di stagione. Che aggiungere? Credo che nessuno si strapperà i capelli (o la faccia, per restare in tema Sussurratori) nell'attesa della prossima stagione.

 

Meno male che rimane il fumetto...

 

 

 

 

Link all'immagine originale: https://tvweb.com/the-walking-dead-season-9-finale-review-recap/

Vota questo articolo
(1 Vota)
Gabriele Basile

I don't believe in many things, but I do believe in duct tape.

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.