Tu chiamale se vuoi… Emozioni: Battisti online sulle piattaforme di Streaming

Domenica, 06 Ottobre 2019 00:00
  

C'è una bella notizia per gli affezionati che seguono la nostra sezione musica: le canzoni di Lucio Battisti sono finalmente disponibili sulle piattaforme di Streaming.

Il contenzioso che vedeva contrapposti gli interessi degli eredi del cantante a quelli del paroliere Mogol e alla casa discografica Universal si è concluso.

Infatti la società "Acqua Azzurra, Acqua Chiara", che deteneva i diritti editoriali del catalogo delle opere di Battisti-Mogol, per il declino degli introiti, è stata messa in liquidazione, e a partire dal 29 settembre 2019 il curatore fallimentare ha deciso di restituire alla SIAE il mandato per l'utilizzo online dei brani.

 

Battisti, come è capitato per Sergio Endrigo, per Jimmy Fontana e tanti altri cantanti, rischiava di non essere conosciuto e apprezzato dalle nuove generazioni poiché il suo "Canto libero", negli ultimi vent'anni, non è stato messo in risalto con musical, tributi o spettacoli a lui dedicati, e di questa mancanza qualcuno deve recitare il mea culpa.

 

Non scopriamo certo l'acqua calda affermando che Battisti è stato uno uno dei cantanti più importanti della musica leggera italiana e convintamente sosteniamo che il suo volto non meritava di finire impolverato sulle copertine di vecchi vinili né il suo nome meritava di essere chiuso nelle pagine ingiallite di un qualsiasi libro di storia della musica nazionale.


Non a caso quando i suoi album sono stati distribuiti via streaming c'è stato un boom di ascolti. Spotify ha diramato due notizie apparentemente scollegate: la Playlist più ascoltata in questo momento in Italia è quella di Battisti e il 30% di chi ascolta "musica datata", come quella dei Beatles, è costituita da giovani che vanno dai 18 ai 24 anni.

 

Ciò dimostra che la nuova generazione non vuole ascoltare solo brani come "Carote", ma è pronta ad affiancare l'ascolto di musica Trap e Reggaeton con le melodie di Battisti che, nonostante avesse una voce priva di tecnica, sapeva, con le sue interpretazioni, stregare e provocare emozioni. Ma forse il suo più grande merito è stato quello di aver mandato in cortocircuito le regole del bel canto, miscelando, a suo piacimento, la melodia italiana con sonorità di varia provenienza.

 

Speriamo di non aspettare altri 20 anni per lo sdoganamento online degli ultimi album pubblicati in vita dove troviamo un Battisti irriconoscibile rispetto a Battisti del periodo d'oro.

 

La foto di copertina è stata presa dal seguente link:

https://it.wikipedia.org/wiki/Lucio_Battisti#/media/File:Lucio_Battisti_chitarra.jpg

 

Vota questo articolo
(0 Voti)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.