"La Macchina di Babele" alla "Fornace" di Agropoli

Mercoledì, 03 Novembre 2021 08:54
  

Venerdì 5 novembre 2021 presso il Museo "La Fornace" di Agropoli (SA), Angelo Riccioni presenterà il suo romanzo d'esordio La Macchina di Babele (Porto Seguro, 2021). L'opera (di cui potete trovare la recensione facendo clic qui) segue le vicende di Helen, Heath e Paul Wintertone, tre orfani adottati dalla misteriosa famiglia Brogaft e catapultati in un mondo in cui la parola "impossibile" perde ogni significato. Benché l'opera appartenga al genere fantasy, Riccioni coglie l'occasione per presentare una serie di riflessioni sul potere dell'immaginazione e sulla letteratura come forza creatrice, in uno stile ricco ed elaborato.

 

L'evento, che sarà moderato dal nostro Gabriele Basile, dimostra l'impegno del management del museo, come testimoniato dalle parole della direttrice, l'Avvocato Elena Giovanna Foccillo:«La serata si inserisce nel fitto calendario di eventi a sfondo artistico e culturale del Plesso Museale di Agropoli, simbolo di archeologia industriale e polo culturale di altissimo pregio. È per me un piacere ospitare e presentare l'opera di Angelo Riccioni, giovane talento del panorama letterario italiano: da profondo conoscitore ed esperto di storia e letteratura inglese dell'epoca vittoriana ci condurrà per mano in un viaggio ricco di dettagli simbolici e minuziose descrizioni a sfondo letterario».

 

Angelo Fornace

 

Angelo Riccioni è nato a Tarquinia (VT) nel 1990, è autore di diversi saggi e pubblicazioni sulla letteratura e sull'arte orafa. Attualmente frequenta il terzo anno di Dottorato in Eurolinguaggi e Terminologie Specialistiche presso l'Università degli Studi di Napoli "Parthenope" ed è in procinto di terminare la sua tesi sui gioielli dell'epoca vittoriana.

 

Vota questo articolo
(1 Vota)

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.