Il ritorno dell'Oscuro Passeggero in "Dexter: New Blood"

Giovedì, 11 Novembre 2021 12:32
  

A volte sentiamo dire che il viaggio in sé è più importante della destinazione vera e proprio.

 

Molto giusto.

 

A meno che non parliamo di serie TV. Questo perché è – relativamente – facile iniziare bene, ma molto difficile terminare in maniera altrettanto positiva. Per un Sons of Anarchy, un Six Feet Under o un Battlestar Galactica che hanno un finale decisamente all'altezza di quanto visto dall'episodio pilota in poi, abbiamo un mare di casi in cui il pubblico è nettamente diviso (Lost, per limitarsi al più celebre) e un altro mare in cui è unito nell'affermare di essere in presenza di – senza troppi di parole – autentiche schifezze.

 

Qualche esempio recente? Game of Thrones, How I met Your Mother e, appunto, Dexter.

 

Alternando stagioni fantastiche ad altre che rasentavano il ridicolo, la serie era arrivata all'ottava e ultima stagione regalando uno dei finali più irritanti e privi di senso della storia della TV, lasciando con l'amaro in bocca i (tanti) fan del Macellaio di Bay Harbor.

 

Dopo circa otto anni dal finale, ieri sera è andata in onda su Sky Atlantic "Cold Snap", la prima di otto puntate di Dexter: New Blood, serie TV prodotta da Showtime che punta a ridare linfa a un personaggio amatissimo e a cancellare dalla mente dei fan l'orribile finale del 2013. Ambientato ad Iron Lake, nello stato di New York, dieci anni dopo gli eventi di "Remember the Monsters?", lo show vede il protagonista (ora noto come Jim Lindsay) alle prese con la vita di provincia e un tranquillo lavoro come commesso in un negozio di attrezzature per la caccia e la pesca.

 

Al di là della parvenza di normalità della nuova vita e del consueto humour nero, i segni di continuità con quella vecchia emergono quasi subito: dai dialoghi immaginari con Debra (che sostituisce Harry come incarnazione della sua coscienza) all'abitudine di portare le ciambelle al lavoro, anche se, in questo senso, il bellissimo montaggio iniziale con The Passenger di Iggy Pop è praticamente uno spoiler fatto e finito.

 

Chi ha orecchie per intendere, intenda.

 

Tuttavia non sono certo queste le cose che il pubblico si aspetta dal vigilante più amato della Florida, e il sangue, in effetti, non tarda a scorrere. L'onore, per così dire, di essere la prima vittima del nuovo corso toccherà a Matt Caldwell, un giovane arrogante che, in seguito a una bravata, aveva causato la morte di alcuni innocenti; non sarà tuttavia questo l'evento che lo porterà sul tavolaccio di Dexter, ma l'uccisione di un magnifico cervo albino, al quale proprio il protagonista non era riuscito a sparare in più di un'occasione.

 

Al di là dei tempi quasi perfetti che portano alla prima esecuzione, lo show mette alcune interessanti tematiche sul piatto: dalla relazione di Dexter con una poliziotta (destinata a essere portatrice di complicazioni) alla tematica ambientalista passando per il controllo delle armi e la violenza sulle donne. Anche se, dal punto di vista strettamente diegetico, l'arrivo ad Iron Lake di Harrison, il figlio di Dexter e Rita, è senza dubbio il più interessante. Sarà lui il New Blood del titolo? E come evolverà il rapporto col padre?

 

Molti spunti interessanti, dunque, ma anche qualche interrogativo: fermo restando tutte le novità del caso, siamo in presenza di un prodotto con dinamiche già note ma a una latitudine diversa? Quanto mancherà la versione in carne e ossa di Debra? Quanto è concreto il rischio di peggiorare ulteriormente quanto fatto dalla quinta stagione in poi? Queste, e altre, domande si possono riassumere in una, molto più semplice:

 

Ha davvero senso essere i passeggeri di questo nuovo viaggio?

 

 

 

 

 

Link alla foto di copertina: https://gamerant.com/dexter-new-blood-episode-1-review/

Vota questo articolo
(1 Vota)
Gabriele Basile

I don't believe in many things, but I do believe in duct tape.

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.