Jaco Pastorius: il Dio del basso

La musica, per moltissime persone me incluso, fa da colonna sonora alla vita, una soundtrack che non...

Nel 2023 parte la nuova tournée di Gianni Morandi nei palazzetti dello sport

Gianni Morandi, l’uomo dei musicarelli italiani, nonostante le sue settantasette primavere, non si f...

Kevin O'Neill, a 69 anni si è spento uno dei più influenti fumettisti britannici

La notizia che Kevin O’Neill, uno dei più grandi fumettisti britannici, si è spento all’età di 69 an...

Nuova musica per Noel Gallagher

  L’ex chitarrista degli Oasis, Noel Gallagher, ha pubblicato, sulle varie piattaforme di stre...

Proteste ambientali: i recenti metodi degli attivisti funzionano?

Il 14 ottobre un’attivista di Just Stop Oil ha lanciato alla National Gallery di Londra una zuppa di...

Lucca Comics and Games 2022, inizia oggi la mostra del fumetto più importante d'Europa

Oggi inizia finalmente la più attesa e importante fiera del fumetto, il Lucca Comics and Games 2022....

Ultimi Articoli

Previous Next
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Jaco Pastorius: il Dio del basso
Novembre 20
La musica, per moltissime persone me incluso, fa da colonna sonora alla vita, una soundtrack che non esisterebbe se non ci fosse l’apporto dei musicisti bravi e capaci che la suonano. Nasce l’eterno dibattito: meglio un musicista che mette nel proprio sound tutta la sua passione o uno che è riuscito a salire sulla vetta dell’Olimpo attraverso anni di studio e di infinite performance? A questa domanda è difficile rispondere, tuttavia nella musica contemporanea troviamo dei nomi altisonanti che mettono tutti d’accordo e zittiscono le polemiche. Uno di questi nomi è quello di Jaco Pastorius, il protagonista della rubrica di novembre.   Su di lui si è detto di tutto, che era un ubriacone, un bohémien, un drogato, tutte voci che hanno alimentato le fantasie di quei fans che lo ritenevano il Dio del basso elettrico per antonomasia. Una convinzione che, per il modo di suonare dell’artista, ha coinvolto anche quelli che hanno passato la loro esistenza ad ascoltare Rock o Blues. Tra i primi a notare il suo talento fu un certo Pat Metheny, chitarrista Jazz, che volle con sé il giovane bassista a tutti i costi facendolo suonare nel bistrattato album di esordio, Bright Size Life, che soltanto negli anni recenti è stato fortemente rivalutato. Ma questa è un'altra storia.   Tuttavia Pastorius raggiunse lo zenith di popolarità con il gruppo dei Weather Report suonando uno speciale basso fretless. Scriviamo speciale perché “Jaco” suonava un basso Fender a cui, secondo rumors, lui avrebbe tolto i tasti e riempito di mastice le scanalature. In realtà nel manico del Fender fu colata vernice per permettere al bassista di poter suonare con corde ruvide e metalliche che dovevano caratterizzare il suo sound. In lui era evidente un tecnicismo musicale non comune, ma la sua bravura andava oltre poiché quando era sul palco tra lui e il basso non c’era distinzione. Era un tutt’uno. La sua musica lo avvolgeva e travolgeva il pubblico, specialmente quando improvvisava.   Grazie a lui il Jazz entra nel mondo del mainstream musicale al punto tale da influenzare anche bassisti Rock come Flea o Robert Trujillo. Ha tracciato la strada a tutti coloro che vogliono suonare il “cugino” della chitarra. Non come elemento passivo che suona giri ritmici, ma capace di condizionare la sonorità di una intera band.     immagine presa al seguente link: https://it.wikipedia.org/wiki/Jaco_Pastorius#/media/File:Jaco_Pastorius_with_bass_1980.jpg
Nel 2023 parte la nuova tournée di Gianni Morandi nei palazzetti dello sport
Novembre 13
Gianni Morandi, l’uomo dei musicarelli italiani, nonostante le sue settantasette primavere, non si ferma mai. Dopo aver confermato di essere condfuno dei co-conduttori assieme ad Amadeus del Festival di Saremo ha dato, via social, una nuova notizia che interesserà sanz’altro tutti gli appassionati che lo seguono con affetto.   Nel 2023 partirà il suo nuovo tour, dal titolo curioso, “Go Gianni Go”, magari un richiamo scherzoso al ritornello della famosa “Johnny B. Good” di Chuck Berry, ma anche perché Morandi non riesce a stare un attimo fermo. Infatti proprio l’anno scorso ha corso la maratona di sei chilometri a Bologna, e non era neanche la prima volta che partecipava a manifestazioni simili! Battute a parte, l’anno venturo si esibirà nei palazzetti dello sport nelle principali città italiane al fianco di un ensemble composto da dodici musicisti diretti dal maestro Luca Colombo.   La lista degli show è sicuramente provvisoria poiché mancano tutti i luoghi principali del Mezzogiorno; attualmente sono state confermate soltanto sei date: Rimini, Milano, Firenze, Roma, Bologna, Torino. “Mr abbraccio” ha sottolineato la volontà di festeggiare, in questo modo canoro, la sua carriera con i fans e cantare assieme a loro tutti i classici che l’hanno reso celebre, ma anche le sue hit recenti quali “L’Allegria”, “Apri Tutte Le Porte” e “La Ola” e ha fatto trapelare che sul palco non mancheranno ospiti a sorpresa come, ad esempio, Jovanotti con cui ha già duettato nel 2022 proprio a Sanremo.   Ecco il calendario del Tour:   10 marzo 2023 Rimini, Stadium Rimini12 marzo 2023 Assago (Mi), Mediolanum Forum15 marzo 2023 Firenze, Nelson Mandela Forum18 marzo 2023 Roma, Palazzo dello Sport21 marzo 2023 Casalecchio di Reno (BO), Unipol Arena23 marzo 2023 Torino, Pala Alpitour   I biglietti del GO GIANNI GO! MORANDI NEI PALASPORT potranno essere acquistati a partire dalle ore 14.00 di giovedì 10 novembre sui siti di Ticketone e di Ticketmaster         La foto di quest'articolo è stata presa dalla Pagina Ufficiale Facebook di Gianni Morandi
Kevin O'Neill, a 69 anni si è spento uno dei più influenti fumettisti britannici
Novembre 08
La notizia che Kevin O’Neill, uno dei più grandi fumettisti britannici, si è spento all’età di 69 anni a causa di una lunga malattia, ha sconvolto tutto il mondo della nona arte.   O’Neill era principalmente famoso per aver creato insieme ad Alan Moore la saga a fumetti de “La lega degli straordinari gentlemen”. Una storia che narra le avventure di personaggi della letteratura dell’epoca Vittoriana nei panni di eroi in chiave moderna.   La sua carriera è iniziata negli anni 70 lavorando per riviste e giornali per bambini, per poi diventare successivamente uno dei disegnatori di punta della nota rivista 2000 AD.   Grazie alla rivista, O’Neil ha iniziato una prolifica collaborazione con lo sceneggiatore Pat Mills. Insieme i due hanno creato molti personaggi e firmato tantissime storie, come quelle di ABC Warriors e Nemesis the Warlock.   Nel 1987 O’Neil e Mills hanno creato il personaggio Marshal Law per una delle etichette della Marvel Comics, la Epic Comics. Law è il protagonista di molte storie che puntano i riflettori sui fumetti di supereroi classici mettendoli in ridicolo.   In questa collana, Kevin O’Neill ha disegnato scene di violenza e nudo, portando alla luce la nevrosi del super soldato Joe Gilmore, il cui compito è andare a caccia di supereroi.   L’ultimo fumetto realizzato dal maestra è stato La tempesta, capitolo conclusivo della saga della Lega degli straordinari gentlemen, pubblicata in Italia da Bao Publishing.       Link alle immagini: https://www.nerdpool.it/2022/11/07/e-morto-kevin-oneill-disegnatore-di-fumetti-e-cocreatore-de-la-lega-degli-straordinari-gentlemen/  -  https://it.wikipedia.org/wiki/Kevin_O%27Neill_(fumettista) 
Nuova musica per Noel Gallagher
Novembre 06
  L’ex chitarrista degli Oasis, Noel Gallagher, ha pubblicato, sulle varie piattaforme di streaming musicale, l’ultimo singolo “Pretty Boy”, un pezzo particolare che vede la partecipazione alla chitarra solista del fidatissimo chitarrista degli Smiths Johnny Marr e che anticipa la pubblicazione di un nuovo disco, registrato in questi mesi con i membri degli High Flying Birds presso i Lone Star Sound Studios di Londra di proprietà dello stesso Noel e che vedrà la luce nel 2023 a data da destinarsi.   Sulla nuova fatica discografica Noel non si è voluto sbilanciare troppo, ma ha fatto trapelare una novità. Per lui questa fase è vista come un ulteriore step evolutivo della sua carriera e del suo sound che non insegue più soltanto la scia del vecchio e solito britpop, ma che abbraccia anche nuovi stili e nuove sonorità. Tanto è vero che la voce di “Don’t Look Back in Anger” ha dichiarato, che nel nuovo album ci saranno almeno sei brani accompagnati da un’orchestra.   Sulla nuova canzone “Pretty Boy” ha voluto semplicemente spiegare il perché sia stata scelta proprio questa qui come primo estratto. Secondo quanto dichiarato a mezzo stampa dal cantante mancuniano, il brano in oggetto è stato il primo “nuovo” pezzo che ha scritto e registrato per questo progetto ed è giusto che i fans l’ascoltino per prima.   Gallagher inoltre ha fatto intendere che la nuova musica lo porterà in tour, on the road, in giro per l’Europa e probabilmente anche negli Stati Uniti.   Concludiamo questa notizia con la simpatica la reazione di Liam, il fratello, che stranamente non l’ha insultato come suo solito fare, ma gli dato una stoccata ironica, forse peggiore di un insulto, che non possiamo non menzionare. L’ex frontman degli Oasis ha dichiarato che non ha mai sentito parlare degli High Flying Birds e che è rimasto stupito dal fatto che Noel stia ancora facendo musica!     La foto per questa articolo è stata presa dalla pagina fficiale Istragram degli High Flying Birds di Noel Gallagher
Proteste ambientali: i recenti metodi degli attivisti funzionano?
Ottobre 29
Il 14 ottobre un’attivista di Just Stop Oil ha lanciato alla National Gallery di Londra una zuppa di pomodori contro “I girasoli”, celebre opera di Vincent Van Gogh. La giovane attivista invita a riflettere sull’importanza della vita; chiede se sia giusto preoccuparsi più della salvaguardia di un dipinto piuttosto che della salvaguardia del nostro pianeta e delle persone. Un’azione simile si è ripetuta quattro giorni fa al museo Barberini di Postdam in Germania. Qui due attivisti di Letzte Generation hanno gettato purè di patate contro un quadro di Claude Monet chiamato “Il pagliaio”. Questi sono solo alcuni degli esempi dei recenti attivisti ambientali che stanno attaccando le opere d'arte per protestare contro il cambiamento climatico, per ricordare che la Terra va tutelata tanto quanto il patrimonio artistico.   Anche in Italia gli attivisti Ultima Generazione hanno deciso di protestare contro la miopia del governo rispetto al cambiamento climatico. Inizialmente le proteste consistevano in blocchi stradali sul Grande Raccordo Anulare a Roma, poi con scioperi della fame e azioni a danno del Mite e di Eni. Più di recente, invece, hanno preso di mira le opere d’arte. Prima alla Galleria degli Uffizi di Firenze poi al Museo del Novecento a Milano. I giovani attivisti hanno incollato le loro mani a due opere d’arte; rispettivamente al dipinto la Primavera di Botticelli e alla scultura Forme uniche della continuità nello spazio di Umberto Boccioni. Questa protesta manifesta il fatto che il progresso che i futuristi auspicavano è lo stesso che ora ci sta portando verso l’estinzione di massa. Questo movimento è convinto di essere l’ultima generazione che può agire per migliorare la situazione ambientale. Questi attivisti, preoccupati per il proprio futuro e per quello di chi verrà dopo di loro, hanno deciso di intraprendere azioni di disobbedienza civile non violenta per fare pressione sul governo e sulle politiche green. In particolare, propongono l’interruzione immediata della riapertura delle centrali a carbone dismesse e la cancellazione dei progetti di nuove trivellazioni per la ricerca ed estrazione di gas naturale; chiedono un maggiore investimento sulle energie rinnovabili e la creazione di posti di lavoro nel settore dell’energia rinnovabile.   Queste proteste sono partite dai blocchi del traffico, passando al latte versato sul pavimento fino ai barattoli versati sui quadri. Gli attivisti ambientali negli ultimi mesi stanno sicuramente cercando di far rumore: sono intransigenti, antisistema e più estremi rispetto a movimenti come Fridays for future. Sebbene il motivo che si cela dietro le loro azioni sia assolutamente valido e di necessaria discussione, molti ritengono che il loro più che attivismo sembri spreco alimentare e vandalismo. Questi gesti radicali hanno infatti scatenato un’ondata di polemiche in tutto il mondo. I metodi non convenzionali e provocatori sono talmente esagerati e apparentemente scollegati dalla tematica che addirittura allontanano le persone dalla questione. Nonostante il motivo della protesta sia giusto, mettere a rischio il lavoro e il benessere delle persone non è giustificato.Insomma, nessuno è contro lo scopo delle proteste, che stanno sicuramente accendendo i riflettori sulla crisi climatica. Ma l’accanimento contro i grandi capolavori o il blocco del traffico che impedisce le azioni quotidiane e lavorative di tante persone aumenta l’indignazione verso queste proteste e non quella per l’inazione contro la crisi climatica. In molti chiedono piuttosto di prendere di mira la classe politica e le e multinazionali che inquinano il Pianeta. La giustizia della causa non giustifica i metodi a priori.                 Link alla foto: https://dilei.it/wp-content/uploads/sites/3/2022/08/ultima-generazione.jpg?w=687&h=386&quality=90&strip=all&crop=1
Lucca Comics and Games 2022, inizia oggi la mostra del fumetto più importante d'Europa
Ottobre 28
Oggi inizia finalmente la più attesa e importante fiera del fumetto, il Lucca Comics and Games 2022. Vediamo quali sono gli eventi da non perdere ogni giorno.   Venerdì 28   DAMPYR – IL FILM: DAL FUMETTO AL CINEMA, IL LAVORO DELLA SCRITTURA Chiesetta dell’Agorà – Casa dei Paladini – 11:30 Sergio Boenlli Editore racconta il film ispirato al fumetto Dampyr.     THIS IS NOT GRAPHIC JOURNALISM Auditorium San Girolamo – 12:00 La redazione e gli autori de La Revue Dessinée Italia racconteranno il loro progetto.   QUANTE SONO, DOVE SONO, COME SONO. TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SULLE LIBRERIE DI FUMETTI IN ITALIA Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca – 12:00 La prima indagine condotta in Italia sulle librerie di fumetti, condotta dall’Ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori. Quante sono, dove sono, qual è il loro profilo operativo e come si collocano rispetto agli altri canali di vendita.   SHOWCASE: LEE BERMEJO Sala Tobino Palazzo Ducale – 15:00 L’autore Lee Bermejo disegnerà dal vivo e parlerà della sua carriera artistica, dagli esordi in DC Comics ad oggi.   SHOWCASE: KENNY RUIZ Sala Tobino Palazzo Ducale – 16:30 Sessione disegni con l’autore di Team Phoenix.   PANINI COMICS PRESENTA: SCRIVERE DISEGNANDO – CON CORRADO MASTANTUOMO E MARCO GERVASIO Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca – 18:00 Incontro con i fumettisti Corrado Mastantuono e Marco Gervasio e Alex Bertani, direttore di Topolino.   SERGIO BONELLI PRESENTA: UN VENEZIANO ALLA CORTE DEL FUMETTO Chiesa San Giovanni – 18:00 Intervista al fumettista Giorgio Cavazzano, che presenterà i suoi due nuovi lavori editi da Sergio Bonelli Editore.   DAMPYR – IL FILM: PRIMA MONDIALE CON CAST Cinema Astra – 19:45 Eagle Pictures, Sergio Bonelli Editore e Brandon Box presentano: Dampyr. Prima mondiale. Sarà presente tutto il cast ed il regista. Il Red Carpet verrà trasmesso in diretta nei cinema italiani.   Sabato 29   MUSE: UN VIAGGIO FRA LE INFLUENZE ARTISTICHE, CON LEO ORTOLANI Chiesa San Giovanni – 10:30 Leo Ortolani presenterà Musa, il suo primo artbook.   SHOWCASE: RACHELE ARAGNO Sala Tobino Palazzo Ducale – 10:30 La fumettista Rachele Aragno incontrerà i lettori e disegnerà dal vivo.   CHRIS WARE, IL COSTRUTTORE DI STORIE Chiesa San Giovanni – 12:00 Chris Ware parlerà di come è nata la sua opera Building Stories (Coconino Press): una graphic novel unica. Si tratta di una scatola contenente una storia narrata in 14 fumetti di vario tipo e formato, dal volume cartonato al poster, dalla striscia al giornale tabloid fino al comic book, pensati per essere letti in qualsiasi ordine.   ATSUSHI OHKUBO INCONTRA I LETTORI Auditorium San Girolamo – 12:00 A tu per tu con l’autore di Fire Force e Soul Eater.   BUON COMPLEANNO SPIDER-MAN! Teatro del Giglio – 13:00 Musica, performance acrobatiche, anteprime, talk show si mescoleranno per festeggiare i 60 anni di Spider-Man. Con il direttore editoriale di Marvel Italia Panini Comics, Marco M. Lupoi, i fumettisti John Romita Jr., Giuseppe Camuncoli (co-ideatore dello Spider-Verse) e Sara Pichelli, l’editor in chief di Marvel, C.B. Cebulski, la streamer Sara “Kurolily” Stefanizzi e Marco Rizzo, giornalista e sceneggiatore, uno dei tre italiani ad avere scritto le avventure di Spidey.   EROTISMO AL FEMMINILE Chiesa San Giovanni – 13:30 uno sguardo sulla ridefinizione del rapporto tra donne ed erotismo. Ci saranno Mirka Andolfo, Fumettibrutti, Collettivo Le Moleste.   NEL MONDO DELLE MERAVIGLIE DI CHRIS RIDDELL Chiesa San Giovanni – 15:00 Un incontro per scoprire il talento e la carriera di uno degli illustratori più noti, Chris Riddell.   DALL’EUROPA AI MANGA, L’ALTRA INVASIONE Auditorium Fondazione Banca del Monte di Lucca – 15:00 Intervista a Tony Valente, l’autore di Radiant.   DA DIABOLIK A DRACULA: CORRADO ROI, CHI SEI? Salone del Vescovado – 16:00 Corrado Roi, noto per i suoi lavori per Sergio Bonelli Editore, racconta il suo recente remake di una delle più iconiche storie di Diabolik: Diabolik, chi sei?   FAI RUMORE! PER UNA NUOVA NARRAZIONE SULLA VIOLENZA DI GENERE Sala Tobino Palazzo Ducale – 16:30 Un incontro che invita a spezzare il silenzio e a prendere voce, come un atto rivoluzionario, contro molestie e violenza di genere, partendo dal libro Fai rumore. la raccolta di nove storie a fumetti curate dal collettivo trans femminista Moleste.   NAGABE FROM THE OTHER SIDE Chiesa San Giovanni – 16:30 Nagabe, fumettista giapponese autore di Girl From The Other Side, si racconta intervista da Roberto Recchioni.   SCIENZIATI IN CALZAMAGLIA Auditorium del Suffragio – 17:00 Lo scienziato Dario Bressanini tiene una conferenza dedicata alla Silver Age del fumetto supereroistico.   Domenica 30   SHOWCASE: ATSUSHI OHKUBO Sala Tobino Palazzo Ducale – 10:30 Il fumettista giapponese Atsushi Ohkubo, autore di Fire Force e Soul Eater.   SOPRAVVIVERE AI TRENT’ANNI Chiesa San Giovanni – 13:30 Fumettibrutti, il Baffo e Quasirosso parlano di un tema inflazionato, ma che li riguarda in prima persona: trentenni che vivono le loro vite nel pieno della realizzazione di essere diventati biologicamente adulti.   SERGIO BONELLI PRESENTA: LA GRANDE MOSTRA CASTELLI & FRIENDS Salone del Vescovado – 15:00 Luca Del Savio dialoga con Alfredo Castelli, decano del fumetto italiano e creatore di Martin Mystère.   SHOWCASE: GARY FRANK Sala Tobino Palazzo Ducale – 15:00 Il disegnatore di Doomsday Clock e di Batman: Terra Uno disegna dal vivo e racconta i suoi nuovi progetti Eddie a tutto gas e Geiger.   DAL PASSATO DI SPIDER-MAN AL FUTURO DELL’INTERO MARVEL UNIVERSE! Auditorium San Girolamo – 16:30 Panini Comics tiene un incontro su Marvel Comics con l’editor-in-chief di Marvel C.B. Cebulski, il disegnatore di Spider-Man John Romita Jr. e il direttore editoriale di Marvel Italia Panini Comics Marco M. Lupoi.   SHOWCASE: CHRIS RIDDELL Sala Tobino Palazzo Ducale – 16:30 Chris Riddell incontrerà il pubblico e disegna dal vivo.   15 ANNI DI RUGHE Chiesa San Giovanni – 17:30 A quindici anni dalla prima pubblicazione di Rughe, Paco Roca si confronta con un suo assiduo lettore, il Doc. Manhattan.   A TU PER TU CON NORIHIRO YAGI – SESSIONE 1 Salone del Vescovado – 17:30 L’autore di Ariadne in The Blue Sky e Claymore incontra un selezionato numero di fan. Evento a prenotazione presso il padiglione Star Comics. Obbligatorio l’uso della mascherina durante l’evento.   Lunedì 31   SHOWCASE: JOHN ROMITA JR Sala Tobino Palazzo Ducale – 10:30 Il fumettista statunitense John Romita Jr., attuale disegnatore di Spider-Man, incontrerà il pubblico e disegnerà dal vivo.   SCUOLA DI FUMETTO PRESENTA: STAMPARE RIVISTE / INSEGNARE FUMETTO Chiesa San Giovanni – 10:30 In occasione della nuova vita editoriale del magazine Scuola di Fumetto, con un numero 0.0 speciale Lucca, un incontro per parlare di riviste a fumetti.   SHOWCASE: MARCELLO QUINTANILHA Sala Tobino Palazzo Ducale – 12:00 Coconino Press presenta Marcello Quintanilha, autore brasiliano vincitore del Fauve d’or al Festival di Angoulême 2022 con il suo graphic novel Ascolta, bellissima Márcia.   SERGIO BONELLI EDITORE A LUCCA COMICS: IL TEAM DI SIMULACRI Chiesetta dell’Agorà – Casa dei Paladini – 11:00 Bonelli presenta il nuovo fumetto Simulacri con gli autori Jacopo Camagni, Marco B. Bucci, Flavia Biondi, Giulio Macaione, Eleonora C. Caruso e Stefano Martinuz.   BARBARONE PRESENTA GIPI CHE PRESENTA BARBARONE Chiesa San Giovanni – 12:00 Gipi incontra il pubblico e presenta il suo nuovo fumetto, Barbarone.   SOMETHING IS DRAWING THE COMICS Chiesa San Francesco – 12:30 Lo sceneggiatore americano James Tynion IV e il disegnatore italiano Werther Dell’Edera dialogano con Roberto Recchioni e presentano Something is killing the Children 5 e lo spin-off della serie House of Slaughter.   MANUELE FIOR: IL NUOVO GRAPHIC NOVEL HYPERICON Auditorium del Suffragio – 13:30 Manuele Fior presenta il suo nuovo fumetto, Hypericon (Coconino Press), una storia d’amore tra due ventenni nella Berlino degli anni Novanta che si intreccia con la scoperta della tomba del faraone egiziano Tutankhamen, avvenuta un secolo fa.   FUMETTIBRUTTI INTERVISTA PERCY BERTOLINI Auditorium San Girolamo – 13:30 Percy Bertolini racconta “Da Sola”, il suo graphic novel d’esordio, in coversazione con Fumettibrutti   ZEROCALCARE – 365 GIORNI DI ACCOLLI Chiesa San Francesco – 14:00 Zerocalcare e il suo editor si parlano tutti i giorni. Passano la maggior parte del tempo a schivare guai e accolli. Calendario alla mano, mese dopo mese. il racconto ragionato di come il fumettista romano riesca a mantenere una produttività invidiabile nonostante l’universo intero cospiri per impedirglielo. Con Michele Foschini   WILL EISNER (AUTO)RITRATTO DI UN MAESTRO Salone del Vescovado – 14:30 Denis Kitchen, il più autorevole conoscitore dell’opera del grande Will Eisner, dialoga con Andrea Plazzi in occasione della donazione dell’autoritratto del maestro alle Gallerie degli Uffizi, per il progetto Fumetti nei Musei in collaborazione con il Ministero della Cultura.   SHOCKDOM PRESENTA DIRT DI GIULIO RINCIONE Auditorium del Suffragio – 15:00 Giulio Rincione e Dario Moccia presentano DIRT, primo volume di una saga che si discosta dall’intimismo tipico delle opere di Giulio Rincione, per entrare nell’intrattenimento popolare.   LE NOVITÀ SERGIO BONELLI EDITORE A LUCCA COMICS: ETERNITY E MR. EVIDENCE Auditorium San Girolamo – 15:00 Sergio Bonelli Editore presenta due nuovi fumetti, Eternity e Mr. Evidence. Michele Masiero dialoga con gli autori Alessandro Bilotta, Sergio Gerasi, Fabio Guaglione e Adriano Barone. LE ARTI NELLA NONA ARTE Chiesa San Giovanni – 15:00 Una conversazione sul fumetto con gli autori Marco Rizzo, Lelio Bonaccorso, Paolo Bacillieri, Sakka, Mara Cerri e Giacomo Nanni. Modera: il giornalista Luca Raffaelli   SHOWCASE: NAGABE Sala Tobino Palazzo Ducale – 15:00 Il fumettista giapponese Nagabe, autore del manga Girl From the Other Side, incontra il pubblico e disegna dal vivo.   INCONTRO DYLAN DOG Chiesa San Giovanni – 16:30 Michele Masiero dialoga con Roberto Recchioni e Barbara Baraldi.   WEBCOMICS: IL SOGNO AUTORIALE DIGITALE Sala Incontri Cappella Guinigi – Sala Comics & Games Factory – 16:30 Come cambia lo storytelling a fumetti dal digitale al carteceo? Lo raccontano Rita Petruccioli, Lorenzo Ghetti, Gianluca Caputo, Dario Sicchio e Matteo Gaspari.   SIO, DADO, FRAFFROG E KEISON: GIGANNUNCIO Chiesa San Francesco – 17:00 I quattro autori incontrano il pubblico per fare un grande annuncio.   A TU PER TU CON NORIHIRO YAGI – SESSIONE 2 Salone del Vescovado – 17:30 L’autore di Ariadne in The Blue Sky e Claymore incontra un selezionato numero di fan. Evento a prenotazione presso il padiglione Star Comics. Obbligatorio l’uso della mascherina durante l’evento.   SHOWCASE: SILVIO CAMBONI Sala Tobino Palazzo Ducale – 18:00 Disegno dal vivo con l’autore Disney Silvio Camboni. Modera l’incontro Andrea Freccero, art director Topolino.   GRAPHIC NOVEL THEATRE: “CELESTIA” DI MANUELE FIOR Teatro del Giglio – 21:30 L’adattamento teatrale di Celestia, il graphic novel di Manuele Fior. Lo spettacolo è adattato e diretto da Matteo Tarasco, regista pluripremiato. L’ingresso sarà riservato ai possessori di biglietto e braccialetto di Lucca Comics & Games valido per il giorno dell’evento, più il biglietto in formato digitale o cartaceo.  Martedì 1   ROBERTO SAVIANO PRESENTA “LE STORIE DELLA PARANZA” Teatro del Giglio – 11:30 Roberto Saviano, insieme a Tanino Liberatore e Tito Faraci, presenterà “Le storie della paranza”, serie a fumetti edita da Feltrinelli Comics, dove ritroviamo i personaggi de “La paranza dei bambini” e “Bacio feroce”. Quattro volumi con storie inedite e originali ideate da Roberto Saviano, sceneggiate da Tito Faraci per i disegni di Riccardo La Bella, con copertine e il character design dei personaggi di Tanino Liberatore. I lettori potranno acquistare “Le storie della paranza. La memoria delle ossa”, nuovo albo della serie, disponibile in sole 500 copie numerate. “Le storie della paranza. Flashforward” arriverà in libreria il 22 novembre.   SIO: 30 STRISCE IN 30 MINUTI Sala Tobino Palazzo Ducale – 12:00 Sio chiude in bellezza la sua Lucca Comics 2022 con le famose 30 strisce entro 30 minuti, come ogni anno.   SHOWCASE: ROBERTO BALDAZZINI Sala Tobino Palazzo Ducale – 15:00 Roberto Baldazzini festeggia i suoi primi 40 anni di carriera con una sessione di disegno dal vivo e una modella in sala. Modera Michele Masiero.     Link alle immagini: https://eventi.parcheggilucca.it/Categorie/IT/lucca-comics-games-edizione-2022-lcg2022/cTENHMjAyMg2
Roulette l'ammaliante genio del calcolo delle probabilità
Ottobre 27
Acerrima nemica della Justice Society of America ed uno dei personaggi più controversi della DC Comics, Roulette è una criminale che non possiede poteri paranormali.   Veronica Sinclair, questo il suo vero nome, è una donna dotata di una bellezza ammaliante, capace di attrare tutti intorno a lei. Quindi seppur non abbia poteri sovrumani, ha comunque tutte le carte in regola per poter essere un genio del crimine.   Il suo obiettivo è vivere una vita agiata, immersa nel lusso, arrivando a procurarsi gioielli e denaro in modo illecito. La sua ricchezza le consente di poter usufruire delle più innovative tecnologie, di dispositivi di sicurezza di ultima generazione, come un cane robot che le fa da guardia e trappole mortali.   È una sportiva, sin da quando era una bambina è stata addestrata alle arti marziali, che padroneggia con grande abilità. Riesce ad avere un grande controllo sia del suo corpo che della sua mente e questo le consente di prendere la giusta decisione in pochissimo tempo. Non a caso, Veronica Sinclair è un’esperta di calcolo delle probabilità.   Roulette non sbaglia quasi mai una mossa, sia che si tratti della classica roulette di un casinò o di quella digitale, il principio è sempre lo stesso e questa sua abilità di calcolare le probabilità le garantisce un intuito straordinario.     Link alle immagini: https://www.pinterest.se/pin/616359898987228828/?send=true - https://leagueofcomicgeeks.com/character/17926/roulette
I dimenticati Badfinger
Ottobre 23
La rubrica del mese di ottobre 2022 ci porta nelle stanze della Apple, non in quelle dell’azienda informatica creata da Steve Jobs, ma in quelle dell’etichetta discografica creata dai Beatles nel 1968, per raccontarvi la storia della band gallese dimenticata alla velocità della luce: i Badfinger. Tuttavia le canzoni di quei volti oscurati dal tempo sono rimaste nell’immaginario collettivo e cantate ancora adesso dai ragazzini, come la celebre Without You, spacciata dalla grande Mariah Carey.   Il complesso degli Iveys, (così veniva chiamato dal 1961 n.d.a), probabilmente scoperto da Mal Evans, il roadie dei Beatles, sembrava all’inizio del suo debutto discografico uno di quei prodotti creati ad hoc dalla Apple stessa, messo lì giusto per fare catalogo, tantoché da molti critici dell’epoca venivano dipinti semplicemente come degli emuli dei Fab Four, forse perché troppo legati commercialmente ai quattro capelloni di Liverpool.   Alle apparenze le critiche possono sembrare ragionevoli, ma se guardiamo il tutto a 360 gradi rileviamo che quando il Power Pop prese piede in Gran Bretagna i nostri divennero uno dei punti di riferimento di questo genere. Tra il 1969 e il 1972 molti dei loro colleghi illustri, tra cui gli stessi John Lennon e George Harrison, richiesero la loro presenza come session men per i loro dischi e altri, come Harry Nillson, scelsero di cantare i loro brani. Sarà anche per questo che le loro ballads divennero immortali.   I ragazzi di Swansea si trovarono al posto sbagliato nel momento sbagliato. Nonostante un buon piazzamento nella classifica inglese, con il brano Came and Get It, il gruppo degli Iveys/Badfinger non prese mai il volo perché il disastro finanziario alla Apple corps li colpì in pieno, limitando la commercializzazione e la distribuzione dell’intero catalogo, relegando la musica dei suoi artisti a improbabili nerd. Nonostante un nuovo contratto discografico con la Warner i Badfinger non raggiunsero mai il successo meritato, non solo perché destinati a una utenza di nicchia, ma perché il loro manager Stan Polley tratteneva per sé quasi tutte le royalty dei loro dischi.   Questo portò prima instabilità al gruppo e successivamente alla depressione e al suicidio di Tom Evans e Pete Ham, voci principali dei loro brani nonché principali songwriter dei loro pezzi. Dopo la loro morte, molti sciacalli si sono avventati sulla loro musica, ma nessuno è stato in grado di valorizzarla appieno e farla conoscere
La Marvel scegli di nuovo Leo Ortolani per disegnare i Fantastici Quattro
Ottobre 20
In occasione della prossima fiera Lucca Comics & Games 2022, che si svolgerà dal 28 ottobre al 1 novembre, la casa editrice Panini Comics presenterà in anteprima Fantastici Quattro: Speciale anniversario. Si tratta di un volume speciale per celebrare i 60 anni dalla nascita del supergruppo di Marvel Comics creato da Stan Lee e Jack Kirby.   L’albo della Panini Comics presenta la traduzione italiana dei Fantastic Four Anniversary Tribute 1, pubblicato dalla Marvel Comics nel 202. Il progetto coinvolge circa 50 autori nella realizzazione del remake di due classici: Fantastic Four 1 del 1961, in c’è la prima apparizione del gruppo, e Fantastic Four Annual 3 del 1965, che presentò il matrimonio fra Reed Richards (Mr. Fantastic) e Susan Storm (la Donna Invisibile).   L’albo era già stato inserito da Panini Comics all’interno dell’antologia Noi siamo i Fantastici Quattro edita nel novembre del 2021 e ora sarà riproposto con una copertina nuova realizzata da Leo Ortolani.   Per l’occasione, il creatore di Rat-Man, ha deciso di ambientare la sua illustrazione nella città di Lucca e vede gli eroi combattere contro il Dottor Destino sullo sfondo del centro della città toscana, riconoscibile dalla rappresentazione della Torre Guinigi.   Dopo la presentazione a Lucca Comics & Games 2022, Fantastici Quattro: Speciale anniversario, verrà distribuito in libreria e fumetteria dal 3 novembre prossimo.     Link alle immagini: https://www.badtaste.it/fumetti/articoli/comics-reloaded-fantastici-leo-ortolani/ - https://www.badtaste.it/fumetti/articoli/fantastici-quattro-tom-brevoort-e-mark-waid-hanno-adorato-la-versione-di-leo-ortolani/
Monster-The Jeffrey Dahmer Story: su cosa potrebbe incentrarsi la seconda stagione?
Ottobre 17
Dopo quasi un mese dal suo esordio, Dahmer-Mostro: la storia di Jeffrey Dahmer (Monster: The Jeffrey Dahmer Story) sta ancora avendo un enorme successo e si sentono costantemente opinioni riguardo questa serie true crime. In termini di visioni su Netflix è seconda solo a Stranger Things. I 10 episodi usciti il 21 settembre 2022 si basano sulla biografia del serial killer Jeffrey Dahmer detto anche il cannibale di Milwaukee. Il ragazzo terrorizzò lo stato del Wisconsin tra la fine anni 70 e l’inizio degli anni 90. La serie diretta dal regista Ryan Murphy, sebbene abbia suscitato l’interesse di moltissimi telespettatori, è stata anche oggetto di numerose polemiche.   La serie Tv riporta i fatti realmente accaduti riguardo Jeffrey Lionel Dahmer nato a Milwaukee il 21 maggio 1960. Il ragazzo trascorse un’infanzia particolare perché ideò un cimitero di animali in cui trascorreva molto tempo. Nel 1978 commise il suo primo omicidio verso il diciottenne Steven Mark Hicks colpendolo con un manubrio e poi soffocandolo. Prima di fare a pezzi il cadavere e di scioglierlo nell’acido, inoltre, ha consumato anche un atto di autoerotismo. Dopo aver trascorso un periodo nell’esercito visse a casa della nonna. In quel periodo iniziò a frequentare i bar gay della città e da quel momento iniziò a svolgere molti macabri atti di violenza anche sessuale arrivando ad uccidere 17 persone ricorrendo a metodi d’ogni genere. Fu arrestato nel 1991 e condannato all’ergastolo ma morì due anni dopo per mano del detenuto Christopher Scarver.   Sebbene la serie si ispiri alla narrazione della realtà, in essa vengono raccontati gli omicidi del killer analizzando anche la psicologia del personaggio e la sua mente piena di interrogativi. La storia inizia dal momento finale del processo di Dahmer per poi procedere ritornando indietro nel tempo e ripercorrendo tutta la vita violenta e drammatica del protagonista. Questo racconto terrificante ma reale tiene incollati i telespettatori alla tv, attira molti perché è uno di quei misteri della mente che non trovano risposta. Nonostante ciò, questa serie ha suscitato molte polemiche. La prima ha riguardato la scelta della piattaforma Netflix di metterlo nella categoria LGBTQ, scelta revocata poi il 23 settembre. Ancora più numerose le critiche dei parenti delle vittime del serial killer che hanno scoperto dell’esistenza della serie solo dopo la sua uscita. Sebbene non ci fosse nessun obbligo legale nel contattare i familiari delle vittime perché le vicende erano già di dominio pubblico, sarebbe stato opportuno avvertirle preventivamente.   Un particolare dell’ultima puntata della serie ha catturato l’attenzione del pubblico infatti, nel decimo episodio, c’è un parallelismo tra la storia di Jeffrey Dahmer e quella di un altro serial killer degli anni 70 ossia John Wayne Gacy. Egli era soprannominato il killer clown che rapì, torturò, sodomizzò e uccise 33 persone arrivando ad essere condannato a morte nel 1994. Nella serie, le storie dei due killer vengono raccontate parallelamente infatti, da un lato assistiamo al battesimo del cannibale di Milwaukee avvenuto in carcere e dall’altro ci viene mostrata la condanna a morte del killer clown. Tutto ciò avviene il 10 maggio 1994 sotto un’inquietante e completa eclissi solare. Non si tratta di una scelta stilistica dei creatori ma sembra che i due fatti siano davvero accaduti nello stesso giorno, inoltre le vicende dei due serial killer presentano molte caratteristiche comuni. Secondo molti fan, questa scelta di Ryan Murphy, potrebbe essere non casuale e celare l’intenzione dell’autore di narrare in ogni stagione la storia di un famigerato serial killer. La seconda stagione, dunque, potrebbe narrare i fatti realmente accaduti di John Wayne Gacy. Ovviamente questa per ora è solo un’ipotesi dunque ci toccherà aspettare nuove notizie certe.                     Link alla foto: https://movieplayer.net-cdn.it/t/images/2022/09/21/monster-the-jeffrey-dahmer-story-serie-2022-poster_jpg_750x400_crop_q85.jpg
A Las Vegas in arrivo il museo del Punk
Ottobre 16
Il mondo della musica non può essere semplicemente racchiuso in un catalogato con i nomi dei personaggi, dei dischi e degli eventi. È un universo che va raccontato, soprattutto per darne testimonianza a chi, troppo giovane, non ha potuto vivere un determinato periodo musicale. Ci piace pensare che per questa ragione siano nati e continuino a nascere musei tematici dedicati ad artisti o a varie categorie musicali dove poter fare una completa full immersion nelle varie epoche, scoprendo non solo la vita e i luoghi dei protagonisti, ma anche vedere gli oggetti, i vestiti, gli strumenti da loro utilizzati.   La notizia di questi giorni è che a Las Vegas si sta allestendo il “più grande museo del mondo” dedicato al punk rock che aprirà i battenti il prossimo gennaio.   Ad annunciare questa iniziativa è il bassista dei Nofx, Fat Mike, che ha dato tutto se stesso per realizzare una Mecca per tutti gli appassionati. Il suo scopo è quello di costruire un tempio del punk, dove la fanbase che da anni chiede un meeting point con le star potrà essere accontentata. A dargli una mano in questa impresa, giusto per fare qualche nome, troviamo Pat Smear, Kevin Lyman, Brett Gurewitz e Tony Hawk , ben contenti di condividere la nuova avventura.   I visitatori potranno vedere, tra le tante memorabilia punk, gli elmetti dei Devo, la maglietta “Vulture” di Debbie Harry dei Blondie, la motosega usata dai Sum 41 per aprire gli show del tour di "Does This Look Infected" o una delle prime chitarre dei Rise Against, oltre ad altri cimeli che renderanno interattivo questo luogo. Infatti i promotori del Punk Rock Museum hanno dichiarato, a mezzo stampa, che si potranno addirittura suonare alcuni strumenti appartenute alle band celebrate nel nuovo spazio espositivo. Addirittura chi vorrà, potrà sposarsi qui, come nella migliore tradizione di Las Vegas!   La foto per questo articolo è stata presa da Pixabay
A novembre il nuovo album di Bruce Springsteen
Ottobre 09
La scorsa settimana il musicista americano Bruce Springsteen ha comunicato, via social, l’arrivo sugli scaffali, il prossimo 11 novembre, del suo un nuovo album “Only the strong survive” che non conterrà materiale inedito, ma sue reinterpretazioni di brani R&B da lui amate durante la gioventù. Questo è il suo secondo disco di cover dopo il fortunato "We Shall Overcome: The Seeger Sessions” pubblicato nel 2006.   Il Boss, come lo chiamano i suoi fans, ha voluto sottolineare che la sua intenzione non era quella di celebrare un periodo nostalgico, recuperando pezzi della tradizione delle storiche etichette della Motown, della Gamble and Huff e della Stax, ma di fare quello che ama di più: cantare. E ci piace aggiungere che per noi è un piacere sentirlo cantare e suonare!   Ad accompagnare Bruce in questa impresa, oltre alla sezione di fiati della storica “E street band”, hanno partecipato il produttore Rob Mathes che ha curato gli arrangiamenti orchestrali e le coriste Soozie Tyrell, Lisa Lowell, Michelle Moore, Curtis King Jr., Dennis Collins e Fonzi Thornton. Come guest star il nuovo 33 giri vede la partecipazione di Sam Moore che accompagnerà la voce del mattatore newyorkese nel brano “I Forgot to Be Your Lover”.   “Only the strong survive” sarà disponibile in diversi formati: in CD, doppio LP, e sarà possibile ascoltarlo su tutte le piattaforme di streaming musicali. Inoltre Springsteen, il 3 ottobre scorso, ha scritto, sulla sua pagina Facebook, che è stato attivato il servizio di pre-order sul sito di Amazon.     Tracklist completa:     1) Only the Strong Survive 2) Soul Days" (featuring Sam Moore) 3) Nightshif 4) Do I Love You (Indeed I Do) 5) The Sun Ain't Gonna Shine Anymore 6) Turn Back the Hands of Time 7) When She Was My Girl 8) Hey, Western Union Man 9) I Wish It Would Rain"      10) Don't Play That Song 11) Any Other Way 12) I Forgot to Be Your Lover (feat. Sam Moore)     13) 7 Rooms of Gloom 14) What Becomes of the Brokenhearted     15) Someday We'll Be Together     l'immagine per l'articolo è stata presa dalla pagina ufficiale di Bruce Springsteen su Facebook.
Zerocalcare disegna la copertina variant dei Cavalieri dello Zodiaco
Ottobre 06
La casa editrice Star Comics ha annunciato che, per il lancio della nuova edizione del fumetto I Cavalieri dello Zodiaco – Saint Seiya di Masami Kurumada, il primo numero avrà una versione variant con copertina disegnata da Zerocalcare.   L’autore romano ha anche realizzato le illustrazioni di un box a tiratura limitata che raccoglierà I Cavalieri dello Zodiaco – Saint Seya Final Edtion 1 in edizione variant, 5 spille con i protagonisti del manga disegnati dallo stesso Zerocalcare e una Star Card da collezione.     Il box sarà disponibile in tutte le fumetterie, librerie, store online e alla fiera del fumetto più importante d’Europa, Lucca Comics and Games 2022. I Cavalieri dello Zodiaco – Saint Seiya Final Edition riprenderà l’edizione giapponese edita da Shūeisha. Questa edizione presenterà anche alcuni episodi totalmente inediti. Nel primo numero sarà presente anche l’Episode 0, finora mai pubblicato in volume e apparso in Giappone sulla rivista Champion Red.   Creato da Masami Kurumada nel 1985, il manga Saint Seiya fu trasposto in una prima serie animata tra il 1986 e il 1989 con ben114 episodi. A questi, poi, seguirono quattro lungometraggi d’animazione per il cinema, prima del rilancio del franchise nel 2002 con una serie di 31 OAV di I Cavalieri dello zodiaco – Hades Chapter e nuovi spin-off a fumetti. Nel 2019 ha esordito una nuova serie prodotta da Netflix, in attesa di un remake live-action hollywoodiano la cui uscita è prevista per il 2023.     Link alle immagini: https://www.wired.it/article/zerocalcare-variant-cover-cavalieri-dello-zodiaco-uscita/ - https://mondisommersi.biz/negozio/fumetti/fumetti-generi/manga/i-cavalieri-dello-zodiaco-saint-seiya-final-edition-1-variant-zerocalcare/
Corto Maltese, tutte le novità sul nuovo fumetto
Ottobre 04
Notturno berlinese, il nuovo fumetto di Corto Maltese, il marinaio creato da Hugo Pratt nel 1967, realizzato da Juan Dìaz Canales e Rubén Pellejero, è finalmente approdato in tutte le librerie e fumetterie.   La consolidata coppia di autori spagnoli aveva ripreso a narrare le storie di Corto già nel 2015, con l’inedito Sotto il sole di mezzanotte, a cui sono seguite nel 2017 Equatoria e nel 2019 Tarowean.   <La storia si svolge nell’autunno del 1924, quando Corto Maltese arriva a Berlino alla ricerca dell’amico Steiner, scoprendo che è stato assassinato. Ha così inizio un’indagine per trovare il suo assassino e ottenere giustizia. Sullo sfondo, il crollo della Repubblica di Weimar e una Germania sull’orlo della guerra civile, tra spie comuniste e società segrete di estrema destra che rischiano di complicare il compito di Corto.>   Corto Maltese: Notturno berlinese – che è stato pubblicato originariamente in Francia da Casterman all’inizio di settembre.   L’anno scorso è stato protagonista di una storia a fumetti dal titolo “Oceano nero”, realizzata dallo sceneggiatore Martin Quenehen e dal fumettista Bastien Vivès. Un albo davvero speciale che ha dato il via a una nuova collana incentrata sulle avventure giovanili di Corto Maltese, che sarà pubblicata in parallelo alle storie realizzate dagli spagnoli Juan Díaz Canales e Ruben Pellejero.     Link alle immagini: https://arte.sky.it/news/nuovo-fumetto-corto-maltese - https://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/libri/altre_proposte/2021/08/31/torna-corto-maltese-avventura-e-intrighi-dopo-11-settembre_fbf6abfd-ad83-42df-9ef0-c8df98777ffe.html
Road to Lucca, anticipazioni sugli eventi di One Piece
Settembre 28
Nella prossima edizione di Lucca Comics & Games, si terranno diversi eventi legati al nuovo film One Piece Film: Red, che verrà presentato in anteprima nazionale alla presenza del regista Gorō Taniguchi, in collaborazione con TOEI Animation Europe e Anime Factory.   Tutti gli eventi saranno divisi per giorno:   28 ottobre Ci sarà la proiezione, a cura di Crunchyroll, di tre episodi speciali di One Piece dedicati a Luffy, Uta e Shanks. Subito dopo la proiezione, alle 19.30 ci sarà uno show con suoni e luci: UTA Live from Budokan Night Projection. 29 ottobre Premiere di One Piece Film: Red. Il film verrà proiettato in lingua originale con sottotitoli e sarà alla presenza anche del direttore delle animazioni e character designer Masayuki Sato e del produttore Hiroaki Shibata. La proiezione sarà preceduta dal red carpet ufficiale (ore 15.00) alla presenza degli ospiti giapponesi e di parte del cast italiano, nonché celebrata con gadget ed effetti speciali. Il costo del biglietto per la premiere è incluso nel biglietto di Lucca Comics & Games valido per sabato 29 ottobre. I dettagli su come prenotare il biglietto della premiere saranno annunciati nei prossimi giorni. 30 ottobre Ci sarà l’intervista con Gorō Taniguchi e una live drawing session di Masayuki Sato. Alle 14.30 avrà inizio un raduno dei fan di One Piece di fronte al Balloon di Luffy per realizzare il più grande karaoke di One Piece della storia. All’evento parteciperà anche Emanuela Pacotto, la voce italiana di Nami. Presso lo stand di One Piece Film: Red si terrà una sessione di 45 di autografi da parte di Gorō Taniguchi e Masayuki Sato. Gli autografi saranno firmati su uno speciale shikishi preaparato da Toei Animation su un disegno di Masayuki Sato. In aggiunta, ogni giorno sarà possibile partecipare agli eventi seguenti: Photo booth allo stand One Piece Film: Red e sulle mura. Caccia al tesoro One Piece Film: Red per Lucca Comics and Games 2022. Caccia ai personaggi nascosti – Dove sono Luffy, Uta e Shanks? Una caccia al tesoro aggiuntiva a tre location segrete all’interno della città. Avvista i pirati (e tagga One Piece sui social media). Cerca e scegli il tuo personaggio preferito di One Piece Film: Red tra 38 lampioni. Shop di prodotti esclusivi – Troverete uno shop all’interno dello stand di One Piece Film: Red con prodotti speciali ed esclusivi direttamente da Toei Animation insieme anche a una selezione di prodotti dei partner di Lucca Comics and Games 2022, tra i quali Bandai, Funko, Abysse Style, Clementoni, Panini e altri. Sfida i pirati! Andando a giocare con i personaggi di One Piece all’interno dello stand di One Piece Film: Red si possono vincere i biglietti della lotteria. Lotteria – Partecipando alla lotteria allo stand di One Piece Film: Red si possono vincere numerosi premi. Guarda video esclusivi su One Piece Film: Red, Uta, Ado e interviste con Gorō Taniguchi e Masayuki Sato riguardo al nuovo film, all’interno dello stand di One Piece Film: Red.       Link alle immagini: https://www.tomshw.it/culturapop/one-piece-film-red/  -  https://portalbangkabelitung.pikiran-rakyat.com/hiburan/pr-985397471/ini-tanggal-tayang-one-piece-film-red-di-bioskop-indonesia-3-link-beli-tiket-one-piece-red-klik-di-sini -
In arrivo il documentario sullo studio di registrazione di Abbey Road
Settembre 25
La fotografa Mary McCartney, primogenita dell’arcinoto beatle Paul, ha annunciato, tramite social, l’arrivo di un documentario da lei diretto, “If These Walls Could Sing”, sull’ altrettanto arcinoto studio di registrazione di Abbey Road, che sarà pubblicato prossimamente sulla piattaforma online Disney +.   Questo suo lavoro è stato sicuramente un regalo sia per i fans che da più di cinquanta anni cercano di emulare lo scatto fotografico della celebre copertina di Abbey Road sulle omonime strisce pedonali, me compreso, sia per quelli che non hanno mai avuto la possibilità di vistare gli Studios all’interno e discoprire tutti i suoi tesori come il celebre piano Mrs Mills.   Miss McCartney ha dichiarato, in un post su Facebook, che il documentario in questione non sarà il solito e noiosissimo lungometraggio “storico-didascalico” su un luogo conosciuto da tutti come la base operativa dei Beatles, dove è stato inciso il 90% del loro repertorio discografico, ma sarà una sorta di lettera d’amore destinata ai più giovani, poiché buona parte della storia della musica è passata proprio lì, negli ex EMI Studios di Londra, un edificio innalzato quasi alla sacralità che ha portato molti artisti a lasciare la loro traccia con registrazioni ed eventi live nei 3 studi principali. Ricordarli tutti sarebbe impossibile, ma vengono alla mente i Pink Floyd, David Bowie, i Queen e gli Oasis.    Addirittura molte case di Hollywood hanno registrato nel sito londinese le loro colonne sonore, occupando, soprattutto negli anni ’80, lo Studio 1 dove sono state salvate su disco alcune delle più importanti soundrack del grande schermo, come ad esempio I predatori dell’arca perduta, Rambo, Aliens e Highlander.   Mary non ha voluto anticipsare niente su cosa verrà mostrato nel documentario, ma ha soltanto detto che molti musicisti, produttori e ingegneri del suono hanno voluto condividere attraverso quest’operazione le loro memorie. La lista dei nomi illustri, circolata in rete, è provvisoria, ma oltre a papà Paul, verranno intervistati Jimmy Page, Kate Bush, Noel Gallagher, John Williams, Celeste, Elton John, Giles Martin, Shirley Bassey, Liam Gallagher, e i membri in vita dei Pink Floyd.   Non vediamo l’ora di poterlo vedere.           link all'immagine : https://it.wikipedia.org/wiki/Abbey_Road_Studios#/media/File:Abbey_Rd_Studios.jpg
Abolizione del numero chiuse nelle università: è davvero possibile?
Settembre 24
La possibilità di abolire il numero chiuso nelle università italiane è un tema molto discusso. Il Presidente francese Emmanuel Macron, per esempio, ha deciso di inserire in tutte le facoltà francesi il test d’ammissione. In Italia questo è ancora argomento di discussione, considerata la difficoltà per entrare in molti corsi di laurea. In Italia, a livello nazionale esistono corsi di studio obbligatoriamente a numero programmato per i quali test di ammissione sono gestiti direttamente dal MIUR. Questi sono Medicina e chirurgia, Odontoiatria, Veterinaria, Farmacia e CTF, Scienze della formazione primaria, Professioni sanitarie e Architettura. A livello locale, invece, ogni ateneo può autonomamente stabilire un limite di posti disponibili per corsi di studio, prevedendo le relative prove di ammissione.   È importante, inoltre, introdurre anche la differenza tra il test d’ingresso e quello di verifica delle competenze. Nel primo caso il test deciderà se è possibile accedere o meno ad una facoltà, nel secondo andrà a verificare solo se è presente qualche problema in alcune materie. In effetti, un test ben elaborato che verifichi le competenze dello studente intenzionato ad iniziare un percorso universitario, potrebbe essere molto utile perché non limita l’iscrizione ma potrebbe andare a colmare le lacune presenti nel percorso di studi. Nonostante ciò, secondo il ministro dell’università e della ricerca Maria Cristina Messa non abbiamo le forze per riuscire a formare tutti dunque è necessaria una selezione.   Riguardo le prove d’ingresso per l’ammissione ai corsi di laurea sia studenti che istituzioni hanno diverse opinioni. I test d’ingresso previsti per le facoltà universitarie a numero chiuso mettono sicuramente a dura prova gli studenti che lottano per l’ammissione. Le università, d’altro canto, considerano queste prove dei mezzi necessari per selezionare un numero di studenti a cui sarà garantito un percorso di studi completo e ottimale. Nelle facoltà a numero aperto, di solito, il numero di iscritti è molto alto proprio per il libero accesso senza test vincolante. Nei grandi atenei, però, molto spesso questo causa una grande disorganizzazione e il tasso di abbandono è molto più alto rispetto alle facoltà a numero chiuso. Il test a numero programmato nella maggior parte dei casi, invece, aumenta la competitività e costringe molti ragazzi a ripiegare su qualcos’altro o ad andare via. Nonostante ciò il numero chiuso garantisce classi più piccole e una qualità migliore dell’insegnamento rispetto al numero aperto.   Sebbene si potrebbero trovare alternative al test obbligatorio per l’ammissione, In Italia in alcuni casi sembra essere necessario. Ci si è resi conto che l’università italiana, per garantire una formazione adeguata in alcuni insegnamenti, ha bisogno di avere numeri che siano compatibili con le potenzialità di strutture e Atenei. Questo significa che, per valutare la possibilità di aumentare il numero degli studenti che annualmente entra nelle università a numero chiuso, si dovrebbero modificare molti parametri. Bisognerebbe soprattutto fare un investimento in docenti e avere un finanziamento ministeriale. Sarebbe quindi necessaria l’assunzione di più insegnanti e la messa a disposizione di nuovi spazi in cui organizzare la didattica. Per rendere l’università accessibile a tutti, combattere la carenza di laureati (il nostro paese è penultimo in Europa per percentuale di laureati) e per rispettare il diritto allo studio, si potrebbe valutare l’abolizione dei test a numero programmato per accedere all’università ma solo se questa iniziativa sarà adeguatamente supportata.                 Link alla foto: https://images.fidhouse.com/fidelitynews/wp-content/uploads/2018/10/a88e87_f676d3f62e514cc48975cf2d4cb06ba0_mv2-640x334.jpg?w=580
Flat Tax: chi la propone e quali cambiamenti comporterebbe in Italia
Settembre 23
La flat tax è tornata protagonista delle proposte di riforma in materia fiscale, in vista delle elezioni politiche del 25 settembre. La flat tax o letteralmente “tassa piatta” prevede un’aliquota unica che appiattisce la progressività dell’imposta dovuta. Si tratta di un modello di tassazione che nel corso dell’ultima legislatura è stata riproposta dalla Lega. Attuata in parte, ma mai partita davvero per i redditi fino a 100.000 €, prevedeva un’introduzione graduale della tassazione piatta con una Fase 2 in cui dare vita a una tassa unica del 15 per cento rivolta alle famiglie e una Fase 3 per tutti i contribuenti, senza alcun vincolo. Una delle grandi questioni sulla quale ci si interroga da anni e con maggiore insistenza è se all’Italia serva davvero la flat tax oppure se converrebbe partire dal ridurre la tassazione progressiva IRPEF sui redditi da lavoro.   La flat tax ha sicuramente fatto molto discutere in questa campagna elettorale. La proposta ufficiale del programma presentato dalla coalizione di centrodestra parla di flat tax incrementale ossia piatta. Questa sarebbe dunque uguale per tutti, solo su quella parte di reddito in più rispetto all’anno precedente e varrebbe solo per le partite IVA fino a 100.000 €. Chi è a favore della flat tax sostiene che questa avrebbe un impatto positivo sull’evasione fiscale. Chi è contrario, invece, fa notare che questa sarebbe un vantaggio solo per i più ricchi ma comporterebbe meno risorse per finanziare i servizi pubblici come sanità e istruzione. Questo significa che il welfare avrebbe meno risorse per finanziare questi servizi che sono importanti soprattutto per i meno ricchi.   Se alle elezioni del 25 settembre il partito di centrodestra prenderà la maggioranza dei voti, dunque, ci saranno molte modifiche di tassazione. Al posto delle attuali cinque aliquote IRPEF e dei cinque scaglioni di reddito, il centrodestra mira ad introdurre un’aliquota unica. Quella della Lega è la proposta più estrema che prevede la flat tax al 15 per cento per tutti, persone fisiche e società. Resterebbe invariato il sistema di esenzione totale per i redditi più bassi. Per ora la no tax area vale per i redditi fino a 7.000 €. Secondo la proposta di Forza Italia, invece, la flat tax dovrebbe essere al 23 per cento, con un’esenzione fiscale per i redditi fino a 12.000 € e, anche in questo caso, con sistemi di detrazioni e deduzioni per famiglie e redditi bassi. Secondo i fautori della proposta, questa ridurrebbe la pressione fiscale per le famiglie e per le imprese, contrasterebbe l’evasione fiscale e semplificherebbe il sistema con la razionalizzazione delle attuali detrazioni. Nonostante ciò, molti in Italia credono che la flat tax porterebbe per lo più svantaggi. Questa comporterebbe minori entrate per lo Stato ma anche il rischio di avvantaggiare i più ricchi e, quindi, di introdurre una legge ad alto rischio incostituzionalità.             Link alla foto: https://cdn77.pressenza.com/wp-content/uploads/2019/07/flat-tax-1.jpg
Bereal: la nuova applicazione che mostra gli utenti senza filtri
Settembre 22
BeReal è un’applicazione nata nel 2020 in Francia con lo slogan “Your friends for Real” che in Italia ha iniziato a far parlare di sé solo ad inizio 2022. A gennaio è stato registrato il suo primo milione di download e ad agosto ha superato i 20 milioni. Il dato più significativo è quello dei recenti utenti giornalieri che secondo i dati forniti dall’azienda sarebbero 10 milioni, in forte crescita rispetto ai due milioni di inizio anno.   Questo social funziona in maniera molto semplice: dopo essersi registrati e aver impostato le informazioni del proprio profilo, si è pronti a costruire la propria rete di amici scegliendo tra quelli in rubrica. Subito dopo l’app chiederà all’utente di scattare la prima foto nel tempo massimo di due minuti. La foto può essere scattata anche successivamente, ma il ritardo verrà segnalato accanto alla foto pubblicata, quasi come un marchio di non completa autenticità. Gli utenti ricevono una notifica al giorno in orari sempre diversi con un invito; scattarsi una foto usando la fotocamera interna del cellulare e un’altra contemporaneamente con quella esterna.   Nelle ultime settimane questa applicazione sta riscuotendo sempre più successo come l’anti-Instagram, perché invita gli utenti ad essere loro stessi, senza filtri. Questo nuovo trend ha fatto proprio dell’autenticità il suo cavallo di battaglia. Molti, stanchi di mostrare e vedere online sempre e solo la parte migliore di sé e degli altri, lo usano per dare spazio all’imprevisto, alla sorpresa, al reale. In questo modo ognuno si presenta con le proprie imperfezioni, struccato, stanco, al lavoro, in palestra. Chi sceglie questo social sembra puntare all’indipendenza dalla perfezione e dal giudizio degli altri. Su questo social non esistono né follower né like, non esistono filtri per ritoccare le foto. Bereal vuole rispecchiare una dimensione più quotidiana, autentica e soprattutto non assorbe il tempo della propria giornata in maniera ossessiva. Infatti, si usa solo per pochi minuti al giorno e in quei pochi minuti è importante mostrare la propria autenticità.   Non possiamo sapere quanto durerà questa novità e se avrà un futuro ma di sicuro mostra un’esigenza di tanti ossia quella di tornare alle origini con meno contenuti artificiali e competitivi e più verità. Di sicuro, però, l’esplosione di questa nuova app ha inevitabilmente allarmato altri social come Instagram e Tik tok. Proprio nelle ultime ore, infatti, è stata lanciata in Italia TikTok Now. Questa nuova applicazione si collegherà direttamente all’account TikTok e sembra fornire le stesse funzioni di BeReal. Anche TikTok Now, infatti, fornisce tre minuti di tempo per scattare una foto agli utenti oppure 10 secondi per fare un video. Anche TikTok ha deciso di far vedere cosa fanno le persone senza filtri, probabilmente per abbattere ed eliminare la concorrenza, senza rischiare che BeReal possa prendere il sopravvento.                     Link alla foto: https://www.klatsch-tratsch.de/wp-content/uploads/2022/09/455b167e9f3d82d8928d03a96bdf686e.jpg
Cinema in festa 2022: dal 18 al 22 settembre film a prezzi ridotti
Settembre 18
"Far vivere le sale cinematografiche è fondamentale perché sono presidi culturali e la visione collettiva di un film è un'esperienza unica che arricchisce. Sono convinto. Cinema in festa aiuterà a dimostrare che vivere la magia del cinema è un'esperienza irrinunciabile e preziosa per le persone ma anche interi territori, quartieri e citta”. Con queste parole il ministro della Cultura Dario Franceschini ha introdotto l’iniziativa "Cinema in festa" al fine di riportare gli spettatori in sala davanti al grande schermo dopo la crisi degli ultimi due anni. L’iniziativa offre la possibilità di vedere molti film al cinema ad un prezzo ridotto dal 18 al 22 settembre. In questi cinque giorni, i film saranno disponibili al costo di soli 3,50€. Il progetto è stato ideato dall’associazione delle industrie cinematografiche (Anica) e degli esercenti (Anec), con il supporto del Ministero della cultura e dei David di Donatello, per invogliare il pubblico a tornare in sala.   L'iniziativa "Cinema in festa" è stata presentata nel corso di una conferenza stampa durante la 79esima Mostra del Cinema di Venezia e il suo format si ispira alla "Fête du Cinéma" francese. I punti di forza dell’iniziativa sono due: il prezzo calmierato dell’ingresso e la qualità dei film coinvolti, selezionati per accontentare tutti gli appassionati. Questa iniziativa sarà ripetuta ogni anno fino al 2026. Dunque, ogni anno a partire da settembre 2022 ci saranno due appuntamenti, uno a settembre e uno a giugno. In queste occasioni il pubblico potrà assistere a tutti i film in normale programmazione, ma anche ad anteprime e altri eventi speciali.   Tra i film che rientrano in questa iniziativa troviamo quelli di recente proposti alla Mostra di Venezia come l’italiano “Il signore delle formiche” di Gianni Amelio e l’intimo e autobiografico “L’immensità” di Emanuele Crialese. Nel format ci sono anche il chiacchieratissimo “Don’t worry, Darling” di Olivia Wilde con Harry Styles, il dramma romantico “Love Life” di Kôji Fukada e “I figli degli altri” di Rebecca Zlotowski. Troviamo inoltre il film “Siccità” di Paolo Virzì, cast corale in una Roma assetata e distopica, e “Ti mangio il cuore” di Pippo Mezzapesa, esordio cinematografico in bianco e nero della cantante Elodie. È presente anche il documentario prodotto da Nanni Moretti Las Leonas, di Chiara Bondì e Isabel Achaval, sul campionato amatoriale femminile di calcio a otto della comunità latinoamericana a Roma, e la commedia punk Margini.   A beneficiare del prezzo ridotto del biglietto saranno anche le famiglie e i bambini che al cinema troveranno “Minions 2”, “Come Gru diventa cattivissimo”, “Taddeo l’esploratore”, “Avatar”, “Spiderman - No way home”, “Un mondo sotto social”. Tra le commedie invece figurano i titoli “Tutti amano Jeanne” di Céline Devaux, “Vengeance” di B.J. Novak e “Tuesday Club - Il talismano della felicità” di Annika Appelin e “Rumba Therapy” di Franck Dubosc. Ovviamente, sarà presente anche adrenalina ed energia grazie ai film d’azione “Beast” di Baltasar Kormákur, “Memory” di Martin Campbell e “Nido di vipere” thriller di Kim Yong-hoon. Sono presenti anche due i documentari: “Bowie - Moonage Daydream” di Brett Morgen e “È stato tutto bello” di Walter Veltroni. Tra i drammi infine troviamo “Per niente al mondo” di Ciro D'Emilio e il road movie “Le buone stelle - Broker” del coreano Hirokazu Kore'eda. Insomma, ci sono film per tutti i gusti e questa iniziativa permetterà a persone di ogni età di staccare un po’ la spina concentrandosi esclusivamente sulla pellicola scelta, trascorrendo una piacevole serata in compagnia.             Link alla foto: https://i.ytimg.com/vi/YRXwof2EaAs/maxresdefault.jpg
Domenico Modugno, il mister "Volare"
Settembre 18
  La storia dei “dopoguerra” si sofferma sempre sulla ricostruzione delle città e sul progresso economico che si prospetta all’orizzonte, ma mai sulle piccole e apparentemente inutili sensazioni di gente ancora intorpidita da quei recenti avvenimenti storici e che ha voglia di decollare via dalla miseria e dalla depressione. Ben seppe esprimere questo sentimento un “poeta”, a cui dedichiamo la rubrica di settembre, che rivoluzionò il panorama musicale italiano: Domenico Modugno.   Quest’artista salentino, sdoganando la tradizione melodica italiana, nel 1958 si esibì al Festival di Sanremo con un brano diventato celebre in tutto il mondo.  Nel blu dipinto di blu fece da spartiacque tra una musica vecchia e melensa con testi arcaici e privi di contenuto a favore di una musica moderna e al tempo stesso passionale, facendo da apripista agli autori impegnati degli anni ‘60 .   Da quel momento in poi la stessa canzone italiana, non vernacolare, fu apprezzata all’estero al punto tale che molti cantanti celebri, del panorama internazionale, vollero cimentarsi con la “lingua di padre Dante”. Nel blu dipinto di blu è una delle cover più abusate e fare una lista esaustiva di chi si è cimentato con questa hit richiederebbe un articolo a parte, ma ci piace comunque segnalare le versioni di Frank Sinatra e quella di Paul McCartney.   Ma la storia del cantante di Polignano a Mare non si fermò soltanto al successo sanremese di “Volare”, ne è prova il fatto che, recentemente, uno dei “brani minori” della sua discografia, Meraviglioso, oggi è sulla bocca di molti giovani che ignorano il fatto che sia una di quelle che gli inglesi chiamerebbero “Old but gold”.    Su Modugno si è detto di tutto, che era appassionato, cantore unico che sapeva rendere attraverso la sua voce brani drammatici, come Il Vecchio Frac, melodie oniriche.  Ma a noi piace ricordarlo come uno degli interpreti più rappresentativi della storia della musica partenopea che regalandoci classici, sebbene scritti in epoca moderna, come Lazzarella, Resta cu’mme, Tu si’ 'na cosa grande ha conquistato le chiavi e il cuore della di Napoli.  
Ungheria, ascoltare il battito del feto prima di abortire
Settembre 17
In Ungheria l’aborto è ufficialmente legale ma in realtà è ostacolato in ogni modo. Secondo un recente decreto emesso dal governo ungherese, infatti, a partire dal 15 settembre i medici e il personale sanitario che si occupano delle interruzioni di gravidanza dovranno far sentire alle pazienti, che hanno intenzione di abortire, il battito del cuore del feto. Nel decreto firmato dal ministro dell’Interno Sandor Pinter c’è scritto anche che i medici dovranno presentare un documento che attesti l’avvenuto ascolto del battito del cuore del feto, senza il quale la paziente non potrà accedere all’interruzione di gravidanza.   In Ungheria l’aborto è legale dal 1953 e le leggi sull’interruzione volontaria di gravidanza non sono state modificate dal 1992. Anche secondo l’attuale legislazione le interruzioni possono essere effettuate nelle prime 12 settimane di gravidanza solo per motivi medici e sociali. Se invece il feto non mostra segni di vita, l’aborto può essere eseguito in qualsiasi periodo della gravidanza. In particolare, in Ungheria l’interruzione della gravidanza è prevista in quattro casi: gravidanza in conseguenza di un reato di violenza sessuale, pericolo per la salute della donna, embrione con un handicap fisico grave, situazione sociale insostenibile della donna. Con l’ultimo decreto ungherese, però, l’aborto risulta quasi vietato silenziosamente. La decisione presa da Orban è infatti una tortura psicologica con la finalità di indurre la donna a ricredersi.   Il governo populista di destra dell’Ungheria ha sempre sostenuto i valori familiari tradizionali ed è convinto che l’introduzione di questa nuova legge serva soprattutto per combattere il calo del tasso di natalità che nell’ultimo periodo ha tanto preoccupato il Paese. Secondo la destra, questo provvedimento servirà a far comprendere realmente l’impatto della propria scelta, considerando che invece molte persone considerano un feto solo un grumo di cellule. Molti medici, in realtà, considerano il termine battito cardiaco fetale come fuorviante e clinicamente impreciso quando ci si riferisce alle prime settimane di gravidanza.   Aron Demeter, il portavoce di Amnesty International, si dichiara molto preoccupato. Questa decisione renderà più difficile l’accesso all’aborto e traumatizzerà tutte le donne che già si ritrovano in una situazione difficile. Ogni donna che abortisce lo fa per un motivo in particolare e provando grande sofferenza dunque, questa azione non farà cambiare idea ma sarà solo una tortura psicologica ulteriore. Purtroppo, in realtà, qualcosa di simile sembra accadere sempre più spesso che anche in Italia. Sembra che infatti, di recente, in Umbria sia stato chiesto alle pazienti in attesa di un’interruzione volontaria di gravidanza di aspettare finché non si sarebbe sentito con chiarezza il cuore del feto che batte. Una procedura psicologicamente devastante e scientificamente non necessaria. Sentire il battito di un feto non dissuaderà alcuna donna dalla propria scelta ma creerà in loro solo una grande lacerazione interiore. Una vera violenza psicologica. Ogni donna dovrebbe essere libera di far valere il proprio diritto di decidere liberamente, soprattutto in una situazione tanto delicata e personale come questa.               Link alla foto: https://www.notiziecristiane.com/wp-content/uploads/2022/09/Senza-titolo-36.png
No Sleep Till Shengal: nuovo racconto di Zerocalcare
Settembre 15
No Sleep Till Shengal, la nuova opera di Zerocalcare, verrà pubblicato dalla casa editrice Bao Publishing il prossimo 4 ottobre.   La copertina è stata disegnata dallo stesso Zerocalcare e colorata da Alberto Madrigal, non sono previste variant cover in edizione limitata e sarà pubblicato nello stesso formato cartonato di Kobane Calling.   “Nella primavera del 2021 Zerocalcare si reca in Iraq, per far visita alla comunità ezida di Shengal, minacciata dalle tensioni internazionali e protetta dalle milizie curde, e documentarne le condizioni di vita e la lotta. Il viaggio si rivela difficile perché più volte la delegazione italiana viene respinta ai vari check point controllati dalle diverse forze politiche e militari che si spartiscono il controllo del suolo iracheno. Questo libro a fumetti è la fotografia di un momento geopolitico preciso, in cui un manipolo di persone si oppone allo strapotere di chi chiama “terrorismo” ogni tentativo di resistenza, mentre gli assetti di potere cambiano lentamente, e il sogno del confederalismo democratico in un pezzetto troppo spesso dimenticato di Mesopotamia rischia di svanire per sempre, nell’indifferenza assordante dell’occidente”.   Lo stesso Zerocalcare ha dichiarato al Salone del Libro di Torino, quest’opera«è una specie di diario di viaggio che ho fatto a giugno dell’anno scorso nel nord dell’Iraq, in particolare in una regione che si chiama Shengal di cui sono originari gli Ezidi, una popolazione che fa parte del Kurdistan, ma sono di una religione pre-islamica. Per questo gli Ezidi sono scappati da quella regione e poi aiutati dai curdi la hanno ripresa e da allora hanno una specie di autonomia in quella zona.»   Non ci resta che attendere il 4 ottobre per saperne di più.     Link alle immagini: https://fumettologica.it/2022/05/zerocalcare-nuovo-graphic-novel-no-sleep-till-shengal/ - https://www.zerocalcarefc.it/ultimi-aggiornamenti/
Anteprima 372, Panini Comics annuncia i manga in uscita ad ottobre 2022
Settembre 12
Panini Comics ha annunciato su Anteprima 372 tutti i nuovi che pubblicherà a ottobre 2022.   SOUL EATER ULTIMATE DELUXE EDITION 1 (DI 17) Autore: Atsushi Ohkubo <L’EDIZIONE DEFINITIVA DEL CAPOLAVORO DI ATSUSHI OHKUBO Ripercorriamo le avventure di Maka, Black★Star e Death the Kid nella loro ricerca di novantanove anime di persone malvagie, al fine di forgiare incredibili armi da mettere al servizio di Lord Shinigami, il dio della morte!>   FIRE FORCE 1 – ADRA BURST VARIANT Autore: Atsushi Ohkubo <L’INIZIO DELLA SAGA CON UNA NUOVA STREPITOSA COVER VARIANT CON EFFETTO METAL! In un mondo in cui le persone si trasformano in mostri di fuoco sono state costituite unità speciali di pompieri per far fronte a immani minacce. L’Ottava Brigata di Tokyo è una di queste… e Fire Force racconta la sua storia!>   BOTA BOTA Autore: Paru Itagaki <UN VOLUME UNICO DELL’ACCLAMATA AUTRICE DI BEASTARS Mako Higari, ventinove anni, maniaca dell’igiene… e con una pazza voglia di fare sesso! Peccato per quell’imbarazzante problemino che si manifesta ogni volta che entra in contatto con qualcosa di sporco, uomini compresi…>   BEAST COMPLEX II Autore: Paru Itagaki <TORNANO LE EMOZIONANTI STORIE BREVI AMBIENTATE NEL MONDO DI BEASTARS La grande Paru Itagaki firma una carrellata di episodi con protagonisti gli inquilini del Rifugio degli animali. Amicizia, amore, estro creativo e voglia di normalità animano i pittoreschi abitanti del condominio che ospita Legoshi.>   SOMNIA – ARTEFICI DI SOGNI OMNIBUS Autrici: Liza E. Anzen, Federica Di Meo <L’EDIZIONE DEFINITIVA DI UN SUCCESSO SBARCATO ANCHE IN FRANCIA Andate alla Corporazione dei Creatori ed esprimete un desiderio. Potete chiedere qualunque cosa, ma solo una. Attenti: la magia ha il suo prezzo da pagare. L’edizione integrale riveduta e corretta della saga cult firmata da Liza E. Anzen e Federica Di Meo, con tavole rifinite e perfezionate.>   JUJUTSU KAISEN OFFICIAL FANBOOK Autore: Gege Akutami <GODETEVI UN’AMPIA VARIETÀ DI INFORMAZIONI, CURIOSITÀ, ANEDDOTI NEL FANBOOK DEFINITIVO DI JUJUTSU KAISEN Il finale della serie è già stato deciso? Perché Gege Akutami ha iniziato a disegnare manga? Sapevate che il personaggio di Aoi Todo è ispirato a Kenpachi Zaraki? In appendice, una conversazione fra Akutami e Tite Kubo, l’autore di Bleach.>   L’ATTACCO DEI GIGANTI – LA GUIDA DEFINITIVA AI PERSONAGGI Autore: Hajime Isayama <LA GUIDA DEFINITIVA E AGGIORNATA SU TUTTI I PERSONAGGI APPARSI NELLA SERIE Dai membri dell’Armata ricognitiva ai cittadini senza nome, tutto quello che c’è da sapere su oltre trecento figure ideate da Hajime Isayama. Inoltre, un’inedita intervista al maestro realizzata dopo il completamento dell’opera. IL MANGA DA CUI È TRATTO L’ANIME SU NETFLIX E PRIME VIDEO.>   GIGANTOMACHIA – PRIMA RISTAMPA Autore: Kentaro Miura <DALL’AUTORE DI BERSERK! Su una Terra irriconoscibile a causa di una catastrofe che ha portato alla formazione di un nuovo ecosistema, si muovono l’ex gladiatore Delos e la sua guida Prome, una ragazza dai poteri ultraterreni. Assieme lottano per dare all’umanità la luce della speranza in un mondo crudele e inospitale.>   THE ELUSIVE SAMURAI 1 Autore: Yusei Matsui <Per un guerriero l’onore più grande è perire in battaglia, eppure l’abilità speciale di Hojo Toshiyuki, erede dello shogunato di Kamakura, è… restare vivo. Oltre che percorrere il cammino dell’eroe in un modo tutto suo… Il nuovo survival epico, geniale e irriverente di Yusei Matsui, autore di Assassination Classroom!>     Link alle immagini: https://anime.everyeye.it/notizie/bota-bota-manga-autrice-beastars-arrivera-estero-ci-italia-522040.html -  https://www.animeclick.it/video-intro?r=/anime/1365/soul-eater-  https://www.mangaforever.net/7266253474/fire-force-un-importante-traguardo-per-il-manga-dellautore-di-soul-eater - https://www.crunchyroll.com/it/anime-news/2020/12/19-1/beastars-manga-creator-reveals-new-manga-series-bota-bota - https://www.ibs.it/beast-complex-libro-paru-itagaki/e/9788891296900 - https://www.amazon.it/Somnia-Artefici-sogni-1-Manga-ebook/dp/B00MN0688S - https://verasia.it/manga-in-giapponese/2267-jujutsu-kaisen-official-fanbook-sorcery-fight-9784088826363.html - https://it.wikipedia.org/wiki/L%27attacco_dei_giganti- https://www.amazon.it/Gigantomachia-Kentaro-Miura/dp/2344007660 - https://www.amazon.it/Elusive-Samurai-1-Yusei-Matsui/dp/1974732517

Sorrento, viaggio nell'Impressionismo da Monet a Gauguin

Sabato, 10 Settembre 2022 10:48 Pubblicato in Arte

Extravergine: comicità, critica, ma poco pathos...

Giovedì, 10 Ottobre 2019 08:00 Pubblicato in Serie Tv

Altaroma GiugnoLuglio 2018

Mercoledì, 04 Luglio 2018 11:26 Pubblicato in Al Femminile

Tanta, troppa suspense a Hanging Rock!

Mercoledì, 20 Giugno 2018 07:07 Pubblicato in Serie Tv

Vecchi videogiochi: che passione!

Mercoledì, 17 Gennaio 2018 00:00 Pubblicato in Videogiochi

Il ciclone "Stranger Things"

Mercoledì, 15 Novembre 2017 09:36 Pubblicato in Serie Tv
Pagina 1 di 2

Agorà

Palcoscenico

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.