Biblioteca

Biblioteca (589)

Categorie figlie

English Jam

English Jam (19)

English Jam è una rubrica settimanale che vi aiuterà ad esplorare I termini ed I modi di dire in inglese che difficilmente si incontrano nei libri di testo, ma che spesso vi lasciano spaesati mentre guardate una serie tv o un film.

Per questo motivo la rubrica proporrà regolarmente parole ed espressioni tipiche dello Urban English e dello slang sia del mondo reale che di quello virtuale, accompagnate da termini tecnici di vari ambiti e curiosità, in modo utile e divertente.

Spieghiamo subito la scelta del titolo della rubrica: perché’ English Jam?
Oltre al significato immediato di jam come pasticcio, miscela – e quindi appunto “pasticcio inglese” – il termine vuole anche comunicare quel senso di improvvisazione non preordinata che produce risultati inattesi e piacevoli – pensate alle jam sessions tipiche del Jazz – nonché’ generare un gioco di parole basato sul fatto che la lettura fonetica di jam (/dʒæm/) risulta estremamente simile a quella di gem (/dʒem/, gemma, perla, ma anche rarità), che potremmo tradurre come “chicca inglese”.
Cosi', chicca dopo chicca, costruiremo insieme un piccolo bagaglio di termini utili (si spera), divertenti (quasi sempre) e irriverenti (nella vita serve tutto!)! Stay tuned!

 

Visualizza articoli ...
New strange terms

New strange terms (12)

“La lingua è qualcosa di vivo!” vi dicevano sempre i professori.

Ora è possibile anche dire che la lingua è anche qualcosa di strano. Ogni anno, i nostri dizionari si arricchiscono di nuovi termini: termini che potrebbero portare, addirittura, al suicidio i puristi della lingua quando sono costretti a leggere articoli scritti da giornalisti che ormai senza pietà usano questi nuovi termini all’impazzata senza nemmeno spiegarli.

Questa rubrica si prende ufficialmente il compito di portarvi a conoscenza della esistenza di questi neologismi per così dire poco ortodossi. Purtroppo per i suicidi non siamo competenti.

Visualizza articoli ...
EstroVerso

EstroVerso (28)

Guardandoci un pò intorno scopriremo di quanti prodotti preconfezionati ci dà la società attuale. E non si parla solo dei vestiti e delle scarpe; ma s'intendono anche modi di pensare, di agire che portano ad accettare passivamente infinite cose che forse, a pensarci meglio, non ci stanno neppure così bene. Abbiamo raggiunto un livello di sopravvivenza molto raffinato. Perchè? Perchè l'espressione personale è stata spenta nel ritmo insostenibile che ci siamo imposti. Ma la poesia in mezzo a questa chiassosa desolazione è ancora una musica speciale, il cui ritmo fa ballare felicimente ancora la fantasia di scrive e di chi legge. Naturalmente incorruttibile ed unica la poesia fa tappa anche qui con il nome di EstroVerso per chiunque abbia voglia di fare una lettura veramente libera!!!

Visualizza articoli ...
Figura iconica e controversa della narrativa statunitense, Philip Roth si è spento questo 22 maggio per un arresto cardiaco all’età di ottantacinque anni. «Ho fatto il meglio che potevo con quello che avevo», è stato riprendendo la frase del pugile Joe Louis che Roth aveva dato il suo addio alla…
Perché è esattamente di questo che si parla: di un successo che nessuno poteva immaginarsi quando due anni fa la direzione del Salone internazionale del libro di Torino, il più importante e travagliato d’Italia, venne affidata a Nicola Lagioa, uno scrittore. Non un business manager, uno scrittore (Premio Strega 2015,…

Ancora letteratura d'autore a Scampia dove, presso la Scugnizzeria, il giornalista e scrittore Giosuè Calaciura, finalista del Premio Campiello (2002), ha presentato il suo ultimo romanzo, Borgo Vecchio, edito da Sellerio, con cui ha vinto il Premio Lettarario Nazionale Paolo Volponi (2017).

Nella sua opera, ambientata a Palermo, sono presenti storie e personaggi inventati che rispecchiano pienamente la realtà di una qualunque periferia, dove malessere, disagi, miseria, arretratezza culturale sono all'ordine del giorno.


Protagonisti del libro sono anche gli animali perché, come ha spiegato lo scrittore, attraverso la favola è più semplice raccontare realtà allucinanti, quelle rifiutate da taluni lettori che non vogliono essere ammorbati da problematiche sociali.
Lo sguardo di Calaciura si sofferma in quelle strade, in quei vicoli, in cui non esiste la legalità, non esistono regole del buon vivere e dove la mancanza delle istituzioni favorisce la criminalità.
Con l'autore palermitano abbiamo voluto approfondire qualche argomento:

 

 

 

Calaciura

 

 

 

- I vicoli di Palermo, anche se non è mai citata, sembrano la fotocopia di quelli napoletani dove si respira la stessa aria problematica. C'è speranza per i figli di queste terre?

Palermo e Napoli sono molto simili. Nelle vele vedo l'architettura dello Zen, quella stessa architettura che è speculare alla marginalità, come se fosse costruita apposta per rendere le persone distanti e ghettizzate. In questi luoghi la speranza intanto è per chi ce la trova. Appartiene a quelli che rimangono e a quelli che si impegnano a raccontare storie così tenebrose.


- Il suo è un racconto corale, ma senza scomodare Verga, quanto ha inciso nella stesura del libro il suo essere giornalista di strada?
Ha inciso molto il fatto che il giornalista deve dare conto di tutte le voci in gioco. L'elemento corale è una scelta letteraria, dovuta alla volontà di dare un andamento tragico al mio racconto.

 

- Lei racconta un universo spietato, fatto di prostitute, di malviventi e malaffare. Lo fa solo per puntare il dito su una realtà che esiste o per denunciare l'assenza delle istituzioni?
Per entrambe le cose. Per dare voce a chi da molto tempo non ne ha e per denunciare la totale assenza delle istituzioni in realtà così depresse e marginali, dove anche l'architettura è nemica. I bambini in queste periferie non vedono il bello, il mondo attorno a loro è orribile, allora mi chiedo: perché devono scegliere la legalità?


- Molti di quelli che hanno letto il suo libro potrebbero pensare di trovarsi davanti al solito scritto che mette in luce solo gli aspetti negativi di un territorio e che addirittura li amplifichi. Lei a queste critiche cosa risponde?
A me sembra che le uniche storie da raccontare siano quelle di cui parlo. Le altre mi interessano poco. Voglio raccontare le ferite. Perché? Per sanarle. Le storie che raccontano di una borghesia e di una realtà pacificata e serena, spesso a scapito di altri, non mi interessano, anzi mi indignano.


- Nel suo libro i carnefici sono anch'essi vittime delle circostanze?
Nei miei libri non ci sono vittime e carnefici. I miei personaggi sono tutte vittime. Anche chi fa il male è una vittima. L'importante è che gli uomini sappiano scegliere con giustizia tra bene e male, tra chi commette il male per il proprio tornaconto e chi lavora per la comunità.

 

 

link immagine principle:

 

 

Zen di PalermoZen di Palermo

Inaspettatamente in lizza per il Premio Strega 2018, il romanzo d'esordio di Giorgio Biferali è una di quelle storie d'amore propriamente romane. Di quelle che la tradizione del genere – da La Dolce Vita in poi - ci insegna a collocare con facili associazioni mentali ai bar, ai sanpietrini, ai…

Chi è RaRt081?

Marzo 20
Chi è RaRt081?   Nessuno lo sa, tantomeno noi di MYGENERATION.   Sappiamo però che è un giovane artista napoletano, che ha deciso di manifestare il suo dissenso restando nel più totale anonimato, scegliendo la nostra redazione come suo interlocutore privilegiato, ogni volta che una nuova opera vede la luce.…
«L’amore è un contenitore dentro cui ficchiamo tutto». Ci mettiamo la gioia, certo, la passione, il traporto, l’emozione; ma non risparmiamo le notti in bianco, i rancori, le liti feroci e quel senso di vuoto che prevale quando la storia è ormai ai suoi ultimi sfilacci. Lacci (Einaudi 2014) di…
Il romanzo di Michelle Grillo, Io sono qui, si apre con un incipit duro, immediato, che decide l’andamento di tutta la storia:“Seppi che mia madre era morta un pomeriggio di marzo”. La madre di Céline è morta. Una notizia drammatica, un colpo violento, un lutto, eppure è come se nulla fosse accaduto. Il lettore resta interdetto. Non ci sono lacrime, non c’è…
La Alessandro Polidoro Editore di Napoli presenta in occasione della Fiera del Libro di Roma, Più Libri Più Liberi, la sua nuova collana di classici. A parlarci di questo e di altri interessanti realtà del mondo editoriale è il nuovo direttore di collana Antonio Esposito. Typee di Herman Melville e…
Da Goya a Maradona recita lo slogan pubblicitario, ma l’allestimento del Museo della Follia a cura di Vittorio Sgarbi riserva molto più di un classico dell’arte preromantica e di un mito del folklore napoletano. C’è un impegno, una competenza, una cura dei dettagli e un gusto assolutamente innovativi. Istallazioni che…
Si è conclusa ieri la sedicesima edizione di Più Libri Più Liberi, la fiera della media e piccola editoria italiana svoltasi dal 6 al 10 dicembre a Roma, per la prima volta all’interno della Nuvola dei Fuksas. Tante le presenze (circa centomila persone), tanti gli ospiti, gli espositori, l’offerta. Poca…
Pagina 1 di 43

Facebook Like

Accedi

Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.